di Stephanie Barone in

Colesterolo hdl e ldl valori, dieta: i cibi da mangiare per tenerlo sotto controllo


 

Avete bisogno di tenere i valori del colesterolo ldl e hdl sotto controllo? Ecco alcuni cibi da preferire nella vostra dieta che vi aiuteranno ad evitare il colesterolo alto.

colesterolo hdl, colesterolo ldl, colesterolo dieta, colesterolo cibi per abbassarlo, colesterolo cibi per tenerlo sotto controllo, colesterolo cosa mangiare,

Colesterolo hdl e ldl valori, dieta: una piaga per la società contemporanea

Il colesterolo alto è per molti versi una piaga della società contemporanea; sono infatti sono moltissimi, sempre in aumento, coloro che ne soffrono. Secondo i dati resi noti lo scorso maggio nel corso di “Meridiano Cardio-Lo scenario delle cardiopatie ischemiche: focus sull’ipercolesterolemia” realizzato da The European House-Ambrosetti e supportato da Amgen, sarebbe oltre il 35% della popolazione a soffrirne in modo conclamato e quindi ad essere in cura. Ciò che però più spaventa è che un altro 40% non sa nemmeno di avere valori superiori a quanto consigliato dagli esperti. Parlando dell’Italia in cifre, sono circa 2,5 milioni gli italiani dai 35 ai 79 anni a soffrire di un’ipercolesterolemia severa.

Questa patologia inoltre non solo è ritenuta il primo fattore di rischio per le cardiopatie ischemiche, nonché prima causa di morte al 20%dei casi tra le patologie cardiovascolari ma è anche un vero e proprio dissanguamento economico: oltre 1 miliardo di euro di soli costi sanitari, con l’ospedalizzazione che incide per il 96%. Insomma come dicevamo una vera e propria piaga che, spesso, può essere prevenuta con una vita più sana, una dieta adatta e dell’attività fisica.

=> Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci anche sulla pagina Facebook RIMEDI NATURALI!

Colesterolo hdl e ldl valori, dieta: i cibi che possono aiutare a tenerlo sotto controllo

Benché il colesterolo sia una sostanza prodotta dal nostro stesso organismo, in parte lo introduciamo nel nostro corpo anche attraverso l’alimentazione; a compromettere maggiormente i valori del colesterolo ldl (ovvero il cosiddetto colesterolo cattivo) sarebbero i grassi di origine animale. Per questo motivo è fondamentale seguire una dieta bilanciata ed evitare di abusare di alcuni cibi che tendono a far alzare i livelli del colesterolo ldl.

Altri alimenti invece sono un vero e proprio toccasana per il nostro organismo poiché aiutano a tenere i livelli del colesterolo cattivo sotto controllo, soprattutto aumentando quelli  dell’hdl, ovvero del colesterolo buono. Quali sono da privilegiare quindi? Verdura, cereali e legumi sono i migliori amici di chi ha bisogno di tenere i livelli del colesterolo sotto controllo; questa sostanza infatti negli alimenti di origine vegetale non è contenuta.

In particolare i legumi sarebbero di notevole aiuto, secondo uno studio condotto da John Sievenpiper del St. Michael’s Hospital a Toronto, che è stato pubblicato sul Canadian Medical Association Journal: essi infatti sarebbero in gradi di abbassarne i livelli nel sangue. Sarebbe emerso infatti che una porzione al giorno, pari a circa 130 grammi, di piselli, ceci, fagioli o lenticchie, riduce il colesterolo cattivo del 5%. Per questo non può mancare almeno una porzione di frutta e verdura al giorno ma soprattutto tra le due e quattro porzioni a settimana di legumi.

Colesterolo hdl e ldl valori, dieta: altri aiuti dall’alimentazione e dallo stile di vita

Non solo verdura, cereali e legumi per stare bene e combattere valori troppo alti di colesterolo cattivo. Nel contesto di una dieta equilibrata è fondamentale favorire il consumo di fibre che riducono l’assorbimento intestinale del colesterolo e di pesce il cui grasso non influisce sul colesterolo. Da tenere a bada invece i condimenti, evitare il fumo, il consumo eccessivo di alcol e soprattutto la vita sedentaria.

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook