di Stephanie Barone in , ,

Come rimanere incinta: cause ed esami per scoprire l’infertilità


 

Non sempre avere un figlio risulta semplice. Sono molte le donne che, mentre cercano di capire come rimanere incinta, scoprono problemi di infertilità in se stessa o nel partner. Ecco dalla nostra esperta le possibili cause e gli esami a cui sottoporsi per capire la propria situazione insieme ad un esperto.

come rimanere incinta, infertilità, infertilità di coppia, infertilità maschile, infertilità cause, infertilità esami,

Nel nuovo appuntamento con la rubrica di Urban Donna “L’ostetrica svela che…”, la dottoressa ostetrica biologa Noemi Jennifer Colombo continua il suo approfondimento su come rimanere incinta. Purtroppo non per tutte le coppie avere un figlio è una cosa semplice. Per questo motivo questa settimana l’esperta ci spiega quali sono i fattori che possono influenzare negativamente la fertilità e quali gli accertamenti che le coppie possono fare per capire meglio, insieme ad un esperto, la propria situazione.

della dottoressa ostetrica-biologa Noemi Jennifer Colombo

Negli scorsi articoli abbiamo imparato a conoscere il nostro corpo, a capire i suoi segnali e a comprendere quali possono essere i segni di fertilità, purtroppo non sempre sono sufficienti; alcune coppie, dopo numerosi tentativi si ritrovano a sospettare che vi sia qualcosa che blocca la loro possibilità di avere un figlio e decidono di rivolgersi a professionisti per scoprirne le cause. In questo articolo vedremo qual è il percorso e quali sono gli accertamenti che le coppie devono effettuare prima di intraprendere la strada della procreazione medicalmente assistita (PMA).

Come rimanere incinta: quando iniziare a preoccuparsi

Le indagini per una possibile infertilità iniziano ad essere giustificate dopo 12 mesi di rapporti non protetti i quali non hanno portato ad avere una gravidanza. Il tipo di infertilità può essere dovuto a problemi che si riscontrano prima del concepimento, quindi difficoltà ed errori nella creazione di ovociti o spermatozoi, impossibilità di incontro tra spermatozoo e ovocita; oppure a problemi dopo la fecondazione, quindi problemi nell’impianto del feto in utero o di sviluppo dello stesso.

Come rimanere incinta: i fattori che possono influenzare la fertilità

Durante una visita il professionista, ostetrica o ginecologo, analizzerà l’anamnesi di entrambi i partner per verificare se vi siano fattori di rischio che possono compromettere la fertilità nella coppia; tra questi troviamo:

  • L’età materna. L’età avanzata, dopo i 40 anni, aumenta la probabilità di aborto; inoltre dopo i 35 anni la possibilità di ottenere una gravidanza con rapporti in prossimità dell’ovulazione si riduce sempre di più.
  • I rapporti sessuali molto diradati durante il ciclo mestruale possono essere causa di difficoltà ad ottenere una gravidanza proprio perché diminuisce la probabilità di avere un contatto tra spermatozoo ed ovocita.
  • Abitudini di vita scorrette sono un altro fattore che può influire sulla capacità procreativa di un individuo. Tra di esse sono da segnalare:
  1. Il fumo nell’uomo diminuisce concentrazione e motilità degli spermatozoi all’interno del liquido seminale, nella donna può aumentare lo spessore della zona pellucida (barriera protettiva che riveste l’ovocita e che lo spermatozoo deve oltrepassare). Inoltre può aumentare il rischio di aborti e parti pretermine oltre ad anticipare di 3-4 anni la menopausa.
  2. La caffeina (più di 5 tazze di caffè al giorno) può essere causa di una riduzione della fertilità per entrambi i sessi e di un aumento degli aborti.
  3. Dosi elevate di alcool possono ridurre la fertilità in entrambi i sessi e diminuire la produzione di liquido seminale nell’uomo.
  4. Le sostanze stupefacenti come pure le sostanze tossiche (solventi, metalli pesanti, pesticidi, sostanze contenenti piombo o radiazioni) sono responsabili di una riduzione della capacità procreativa per entrambi i sessi.
  5. Un esercizio fisico molto intenso o assente può dare un’irregolarità nella mestruazione o cicli anovulatori (che portano a non avere la creazione di un ovocita).
  6. Alcuni tipi di farmaci possono avere come effetto collaterale un’influenza momentanea o permanente della fertilità.
  7. Un’alimentazione scorretta con conseguente anoressia (BMI < 18kg/m2) o obesità (BMI > 35 kg/m2) rendono più difficile il concepimento; inoltre l’obesità aumenta anche la probabilità di cicli anovulatori.
  8. Malattie a trasmissione sessuale (MTS) sono responsabili di danni a livello delle tube, della prostata o di alterazione degli spermatozoi.
  9. Lo stress, sia causato da una situazione personale o lavorativa sia dovuto alla ricerca stessa di una gravidanza, si è dimostrato legato all’insuccesso dei tentativi di concepimento, anche se non è chiaro il meccanismo e non vi sono chiare evidenze degli effetti sulla fertilità.

Come rimanere incinta: gli esami specifici ai quali sottoporsi

Dopo aver evidenziato eventuali fattori di rischio il professionista potrà decidere di effettuare approfondimenti diagnostici più o meno invasivi per indagare le possibili cause di infertilità di coppia. Tra di essi sono da evidenziare:

  • Esami ematici per entrambi i partner per un dosaggio di specifici ormoni e molecole, per indagini genetiche, per diagnosi infettivologiche, immunologiche o di specifiche patologie.
  • Spermiogramma per effettuare indagini chimico-fisiche del liquido seminale e per analizzare numero e morfologia degli spermatozoi.
  • Indagini specialistiche su:
  1. Prostata e vescica per l’uomo
  2. Apparato riproduttore femminile per valutare la struttura di utero, tube e ovaie

A seguito di queste indagini la coppia insieme al professionista potrà decidere il percorso migliore da intraprendere. Delle varie possibilità discuteremo nel prossimo articolo.

L’ostetrica risponde anche alle domande delle nostre lettrici, che possono contattarla all’indirizzo mail ostetrica@urbanpost.it.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook

Parliamo di...