di Andrea Monaci

Compro Oro Truffa: la Finanza Sequestra 163 Milioni di Euro


 

Una vera e propria associazione criminale, addirittura internazionale. E’ quanto ipotizza la Guardia di Finanza che sta eseguendo questa mattina 259 perquisizioni di negozi “compro oro” in Italia: l’operazione sta portando al sequestro di beni per 163 milioni di euro.

Compro Oro Indagine Guardia di Finanza

Definirla truffa è un eufemismo: i comandi provinciali di Arezzo e Napoli della Guardia di Finanza stanno indagando su un’associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, alla ricettazione ed alla frode fiscale. Nel mirino un gruppo criminale che si sarebbe appoggiato ad una vasta rete di negozi compro oro in Italia per trafficare in nero, solo nel 2012, 4500 chili d’oro ed 11mila di argento.

Un volume di affari impressionante, pari a 163 milioni di euro solo per l’anno in corso, in confluivano soldi liquidi da riciclare provenienti dalla Svizzera, sulla cui reale origine c’è ancora molto da scoprire. Secondo la Gdf l’associazione criminale indagata aveva il suo vertice proprio in terra elvetica ed appoggi logistici nei distretti orafi di Valenza, Marcianise ed Arezzo.

Guardia di Finanza Sequestri Compro Oro

Secondo le Fiamme Gialle la commercializzazione dei preziosi avveniva al di fuori dei circuiti ufficiali, mediante scambi di oro contro denaro contante in banconote di grosso taglio, trasportate da corrieri con auto munite di doppiofondo, meccanismo utilizzato anche dai trafficanti di droga.L’oro veniva invece “rastrellato” sul mercato da decine di intermediari in contatto con i negozi “compro oro” ed altri operatori del settore.

I compro oro sono entrati solo di recente nel mirino della Magistratura, mostrando in diversi casi collegamenti con il crimine organizzato e con elementi della criminalità comune, dediti al riciclaggio di denaro sporco.

(foto: @bullion vault – @Air Force One – flickr.com)

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...