di Giuseppe Cubello in , ,

Concorso disoccupati Sicilia 2017: bando a Trapani, requisiti e scadenze


 

Concorso disoccupati Sicilia 2017: ecco il bando uscito a Trapani, con i requisiti e le scadenze per presentare domanda

Concorso Asl Taranto ostetrici

Concorso disoccupati Sicilia 2017: bando a Trapani, requisiti e scadenze

Buone notizie per coloro i quali sono residenti in Sicilia e in particolar modo per coloro che abitano e vivono nelle vicinanze della città di Trapani, perché il Comune di Erice ha indetto un nuovo bando di concorso per la selezione di cittadini disoccupati da impiegare dalla ditta appaltatrice nella realizzazione di opere e servizi all’interno della “Zona Franca Urbana” di Erice. Andiamo a vedere subito quali sono i requisiti richiesti e le scadenze fissate per la presentazione della domanda.

Concorso disoccupati Sicilia 2017: i requisiti di partecipazione

Per poter prendere parte alle selezioni da parte del Comune di Erice (Trapani) sono necessari i seguenti:

  • Essere residenti nel comune di Erice nella Zona Franca Urbana da almeno un anno
  • Essere in stato di disoccupazione da almeno 12 mesi ed essere iscritti al Centro per l’Impiego
  • Aver prestato attività lavorativa comprovando con certificazione rilasciata dalla Cassa Edile.

CLICCA QUI SE VUOI CONOSCERE ALTRE OFFERTE DI LAVORO

Concorso disoccupati Sicilia 2017: scadenze e info utili

La graduatoria verrà formulata sulla base di criteri che sono indicati all’interno del bando ufficiale. Per avere maggiori informazioni, quindi, per conoscere tutti i dettagli del bando o per capire quali sono le modalità di invio della domanda di partecipazione, è consigliabile consultare la pagina dedicata al concorso sul sito del Comune di Erice. Ricordiamo, infine, che le scadenze per la presentazione della domanda sono fissate al 12 gennaio 2017.

RIMANI AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS DI LAVORO CON URBANPOST

In apertura foto di DariuszSankowski / Pixabay.com

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook