in

Concorso funzionari Ministero Affari Esteri 2018: 221 posti,requisiti, titoli di studio, prove, scadenza domande (GUIDA COMPLETA)

Importante offerta di lavoro in Italia. Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica – 4ª serie speciale, concorsi ed esami del 17 luglio 2018, n. 56 è stato pubblicato un bando per la copertura di centosettantasette posti di funzionario amministrativo, contabile e consolare, terza area F1, del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale e un altro per per la copertura di quarantaquattro posti di funzionario dell’area della promozione culturale, terza area F1, del medesimo Ministero.  Andiamo a scoprire quali sono i requisiti, i titoli di studio necessari, le prove e la scadenza di presentazione domande per concorrere al Concorso Funzionari Ministero Affari Esteri 2018. 

Concorso funzionari Ministero affari Esteri 2018: 221 posti, ecco come sono suddivisi

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha pubblicato due bandi di concorso per la selezione di 221 risorse da assumere in terza area F1 nei seguenti ruoli professionali:

  • n.177 risorse nel ruolo di Funzionario Amministrativo, Contabile e Consolare;
  • n.44 risorse nel ruolo di Funzionario dell’area della Promozione Culturale

La Commissione interministeriale per l’attuazione del progetto Ripam – Ministero degli Esteri ha affidato la gestione della selezione pubblica a Formez PA.

Concorso funzionari Ministero affari Esteri 2018: requisiti e titolo di studio

Quali sono i requisiti che i candidati ai concorsi del Ministero Affari Esteri devono possedere? Anzitutto:

  • cittadinanza italiana;
  • età non inferiore a 18 anni;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • godimento dei diritti politici;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso pubblica amministrazione per insufficiente rendimento;
  • titolo di studio: laurea triennale (L) o laurea magistrale (LM) o laurea specialistica (LS) in area umanistico-sociale o scientifico-tecnologica.

Per quanto concerne il titolo di studio, ecco quanto è previsto dagli allegati 1 ai bandi nei quali è possibile consultare tutti i titoli di laurea ammessi al concorso.

Concorso funzionari Ministero Affari Esteri 2018: prove selettive

I partecipanti ai concorsi per funzionario Ministero degli Esteri affronteranno le seguenti prove d’esame:

  1. prova preselettiva: qualora il numero delle domande risulti elevato, sarà espletato un test a risposta multipla, della durata di cinquanta minuti, per la verifica delle attitudini dei candidati alle funzione dei profili professionali e per l’accertamento delle capacità di logicità del ragionamento. Gli argomenti sui quali verterà la prova di preselezione sono riportati sui bandi;
  2. prove scritte: sono previste tre prove scritte per il concorso di Funzionario Amministrativo e Consolare e due prove scritte per il concorso di Funzionario dell’area della Promozione Culturale, inerenti le discipline elencate sui bandi;
  3. prova orale: colloquio sulle materie cui si fa riferimento sul bando. Durante la prova verrà inoltre effettuata una prova di informatica.
  4. Dopo le prove scritte, la Commissione esaminatrice valuterà gli eventuali titoli aggiuntivi, la congruenza dei titoli di studio con il ruolo professionale, i diplomi di specializzazione, dottorati di ricerca e master universitari, le esperienze inerenti i ruoli richiesti e le attività lavorative.

Per maggiori informazioni in merito ecco cosa viene riportato nei bandi di concorso:

Concorso funzionari Ministero affari esteri 2018: domanda di partecipazione

Per partecipare ai concorsi per l’assunzione di funzionari da parte della Farnesina, è necessario compilare le domanda online, entro le ore 23:59 del 31 agosto 2018, attraverso le procedure sotto indicate, seguendo le guide di seguito allegate:

Personale Ata 2018 graduatorie: è caos, cosa succede? Ecco le ultimissime

Nancy Brilli malattia, il dramma e le lacrime: “Poi è arrivata la notizia…”