in

Concorso Miur 2018 bando: 253 posti disponibili, ecco prove e scadenza domanda (GUIDA COMPLETA)

Il Ministero dell’Istruzione assume. Il MIUR, per il 2018, ha avviato un concorso pubblicato con apposito bando in Gazzetta Ufficiale per l’assunzione di 258 profili da inserire al Ministero dell’Istruzione. Si tratta, nello specifico, di 253 dirigenti e 5 funzionari. Come già definito dalla Legge di Bilancio 2018, si tratta di un bando per dirigenti e uno per funzionari. Stante l’ultimo avviso in Gazzetta Ufficiale, inoltre, è stata prorogata la scadenza della presentazione delle domande da presentare e sono state date importanti novità in merito ai laureati in triennale.

Leggi anche:Tutte le offerte di lavoro con UrbanPost

Assunzioni Miur 2018 bando: come presentare domanda

Per presentare le domande di partecipazione al concorso Miur 2018, i candidati dovranno innanzitutto dotarsi delle credenziali di accesso al sistema Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o, in alternativa, della firma digitale. Le domande, infatti, potranno essere compilate solo mediante le procedure di identificazione telematica. La scadenza per inviare le domande è trenta giorni dalla data di pubblicazione del bando, quindi fino alle ore 12 del 27 aprile 2018.

Leggi anche: Il bando completo per il concorso Miur 2018

Concorso Miur 2018 bando: il decreto in Gazzetta Ufficiale

Ecco quanto viene annunciato in Gazzetta Ufficiale relativamente al Concorso Miur 2018:

“1. L’art. 3 del predetto bando di concorso, approvato con decreto del direttore generale n. 282 del 19 marzo 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – n. 25 del 27 marzo 2018, e’ integrato nel senso che e’ possibile accedere alla procedura concorsuale di che trattasi anche con il possesso del requisito della laurea triennale (L).
2. Il termine di presentazione delle domande e’ prorogato e scade il giorno 11 maggio 2018 alle ore 12,00. Saranno considerate valide le domande di partecipazione gia’ presentate in adesione al bando pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – n. 25 del 27 marzo 2018.”

Concorso Miur 2018 bando: quali requisiti?

Secondo quanto pubblicato nel bando per le assunzioni Miur 2018, tra i requisiti di partecipazione per accedere al concorso per funzionari, ci sono: un diploma di laurea (Dl), di laurea specialistica (LS) o di laurea magistrale (LM), rilasciati da università statali e non statali accreditate dal MIUR. E nello specifico:

Per l’ammissione al presente concorso è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

  • a) cittadinanza italiana;
  • b) godimento dei diritti civili e politici;
  • c) diploma di laurea (DL), oppure laurea specialistica (LS), oppure laurea magistrale (LM), rilasciati da università statali e non statali accreditate dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca. I titoli accademici rilasciati dalle università straniere saranno considerati utili purché riconosciuti equiparati alle lauree suddette ai sensi dell’art. 38, comma 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. A tal fine, nella domanda di concorso devono essere indicati, a pena di esclusione, gli estremi del provvedimento di riconoscimento dell’equiparazione al corrispondente titolo di studio rilasciato dalle università italiane in base alla normativa vigente. Le equiparazioni devono sussistere alla data di scadenza per la presentazione delle domande;
  • d) trovarsi in una delle seguenti posizioni:
  • 1) dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni, in possesso di laurea specialistica (LS), oppure laurea magistrale (LM), oppure diploma di laurea (DL) del vecchio ordinamento, come descritti al punto c) , che abbiano compiuto almeno cinque anni di servizio o, se in possesso del dottorato di ricerca o del diploma di specializzazione conseguito presso le scuole di specializzazione individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, almeno tre anni di servizio, svolti in posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del dottorato di ricerca o del diploma di laurea. Il periodo di servizio richiesto è, altresì, ridotto a quattro anni per i dipendenti delle amministrazioni statali che siano stati reclutati a seguito di corso-concorso per ricoprire posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea;
    2) soggetti in possesso della qualifica di dirigente in enti e strutture pubbliche non comprese nel campo di applicazione dell’art. 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, muniti di diploma di laurea, che abbiano svolto per almeno due anni le funzioni dirigenziali;
    3) aver ricoperto incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a cinque anni, purché muniti del diploma di laurea;
    4) cittadini italiani, forniti di diploma di laurea, che abbiano maturato, con servizio continuativo per almeno quattro anni presso enti od organismi internazionali, esperienze lavorative in posizioni funzionali apicali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma
    di laurea;
  • e) idoneità allo svolgimento delle mansioni relative al posto da ricoprire;
  • f) posizione regolare nei confronti del servizio di leva, per i cittadini soggetti a tale obbligo.

 

Ultimi sondaggi elettorali, Quorum: percentuali dei partiti al 10 luglio 2018

Governo 2018 mandato esplorativo, Luigi Di Maio su Facebook: “Occasione per fare chiarezza, ribadiremo la nostra posizione”

marco vannini processo news 12 ottobre

Morte Marco Vannini news sentenza processo Ciontoli: emesse le condanne, ecco quali