in

Concorso vigile urbano febbraio 2018 bando: elenco aggiornato per le assunzioni, ecco dove e come fare domanda

Continuano le offerte per lavorare come agente di Polizia Locale, ovvero la vecchia figura del “vigile urbano”. Tantissime le ricerche che mensilmente vengono effettuate dai comuni italiani, sia al Nord che al Sud. Ma come si diventa vigile urbano? Qual è lo stipendio? Quali sono i posti disponibili a febbraio 2018 e quando scadono le domande? Vediamo tutto quello che c’è da sapere con il nuovo elenco aggiornato.

Concorso vigile urbano 2018 bando: assunzioni disponibili a febbraio

Concorso Vigile Urbano 2018 bando, quali sono le assunzioni attualmente disponibili a febbraio 2018? Quanti posti? Al momento, stando alle ultime notizie fornite dai comuni nella sezione Amministrazione Trasparente, sono ben 236 i posti di Polizia Locale disponibili sul territorio italiano. Di seguito, ecco il numero di posti e le località dove sono avviate le selezioni per diventare agente di polizia locale:

  • Comune di Turate – Como, Lombardia – 1 posto. Scadenza 15 febbraio 2018
  • Comune di Corbetta – Lecco, Lombardia – 1 posto. Scadenza 16 febbraio 2018
  • Comune di Cassano d’Adda – Milano, Lombardia – 4 posti. Scadenza 16 febbraio 2018
  • Comune di Cassina de’ Pecchi – Milano, Lombardia – 1 posto. Scadenza 18 febbraio 2018
  • Comune di Sesto Calende – Varee, Lombardia – 3 posti. Scadenza 20 febbraio 2018
  • Comune di Marostica, Crosara – Vicenza, Veneto – 1 posto. Scadenza 20 febbraio 2018
  • Comune di San Vittore Olona – Milano, Lombardia – 2 posti. Scadenza 21 febbraio 2018
  • Comune di Osimo – Ancona, Marche – 3 posti. Scadenza 22 febbraio 2018
  • Comune Sant’Ambrogio di Torino – Torino, Piemonte – 1 posto. Scadenza 26 febbraio 2018
  • Comune di Cernusco sul Naviglio – Milano, Lombardia – 3 posti, Scadenza 1 marzo 2018
  • Comune di Trieste – Trieste, Friuli Venezia Giulia – 8 posti. Scadenza 2 marzo 2018
  • Comune di Roncello – Monza e della Brianza – 1 posto. Scadenza 2 marzo 2018
  • Comune di Caravaggio – Bergamo, Lombardia – 1 posto. Scadenza 7 marzo 2018
  • Comune di Carpineto Romano – Roma, Lazio – 2 posti. Scadenza 15 marzo 2018
  • Comune di Fossalta di Portogruaro – Venezia, Veneto – 1 posto. Scadenza 15 marzo 2018
  • Comune di San Luca – Reggio Calabria, Calabria – 2 posti. Scadenza 8 febbraio 2018
  • Comune di Rapallo – Genova, Liguria – 1 posto. Scadenza 8 febbraio 2018
  • Comune di San Potito Ultra – Avellino, Campania – 1 posto. Scadenza 11 febbraio 2018.
  • Comune di Coriano – Rimini, Emilia Romagna – 1 posto. Scadenza 12 febbraio 2018
  • Comune di Volterra – Pisa, Toscana – 1 posto. Scadenza 12 febbraio 2018
  • Comune di Altamura – Bari, Puglia – 1 posto. Scadenza 15 febbraio 2018
  • Comune di Castelrotto – Bolzano, Trentino Alto Adige – 1 posto. Scadenza 16 febbraio 2018
  • Comune di Asti – Asti, Piemonte – 3 posti. Scadenza 16 febbraio 2018
  • Comune di Imola – Bologna, Emilia Romagna – 2 posti. Scadenza 18 febbraio 2018
  • Comune di Forte dei Marmi – Lucca, Toscana – 1 posto. Scadenza 18 febbraio 2018
  • Comune di Mazzè – Torino, Piemonte – 1 posto. Scadenza 22 febbraio 2018
  • Comune di Reggio Calabria – Reggio Calabria, Calabria – 120 posti. Scadenza 23 febbraio 2018
  • Comune di Novellara – Reggio Emilia, Emilia Romagna – 2 posti. Scadenza 25 febbraio 2018
  • Comune di Casapenna – Caserta, Campania – 2 posti. Scadenza 25 febbraio 2018
  • Comune di Rimini – Rimini, Emilia Romagna – 8 posti. Scadenza 26 febbraio 2018
  • Comune di Catania – Catania, Sicilia, 30 posti. Scadenza 26 febbraio 2018.

Concorso Vigile Urbano 2018 requisiti: ecco il profilo

Quali sono i requisiti per accedere al concorso vigile urbano 2018? Ecco i requisiti che devono possedere i candidati:

  • Età non inferiore ai 18 anni
  • Cittadinanza italiana o in uno degli stati membri dell’UE
  • Godimento dei diritti civili e politici
  • Non essere stato destituito, dispensato, licenziato dall’impiego presso la Pubblica Amministrazione e non essere dichiarato decaduto da pubblico impiego
  • Non aver riportato condanne penali
  • Idoneità fisica all’impiego
  • Possesso dei requisiti psico-fisici necessari al porto d’armi riconducibili a quelli richiesti per il porto d’armi per la difesa personale (DM 28/04/1998)
  • Posizione regolare negli obblighi militari (per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985)
  • Non avere impedimenti derivanti da norme di legge o da scelte personali che limitino il porto d’armi o l’uso delle armi
  • Patente categoria B
  • Titolo di studio: diploma quinquennale di qualsiasi tipo
  • Conoscenza di almeno una lingua straniera
  • Conoscenza dei prodotti di video scrittura o foglio elettronico.

 

Stipendio vigile urbano 2018: guadagna chi lavora nella Polizia Municipale?

Dimenticatevi stipendi d’oro per chi lavora su strada come i poliziotti municipali. I cosiddetti “vigili urbani”, infatti, non portano a casa compensi da capogiro, anzi. Come si legge sui vari forum dedicati al mondo dell’Arma, infatti, i numeri che si leggono in giro, di un guadagno pari 1600-1700 euro al mese, è completamente errato.

Stipendio vigile urbano: ecco gli stipendi della Polizia Municipale

Un assistente scelto con 15 anni di servizio, in gennaio e febbraio ha guadagnato 1470 euro, mentre un agente con 4 anni di servizio ha guadagnato 1260 -1340 euro: e si tenga presente che si tratta di personale che opera sulla strada tutti i giorni, con turni di servizio serali, notturni e festivi.multe

Inoltre, come si legge sul forum “Polizia Municipale”, la situazione non migliora per: “Alcuni colleghi che operano in ufficio e abbiamo scoperto che assistenti scelti con quasi 30 anni di anzianità hanno uno stipendio medio è di 1320 euro, mentre con 8 anni di servizio è di 1280 euro circa (sempre con turni serali, festivi e notturni).”

Leggi anche: Quanto guadagna chi lavora alle Poste come Portalettere?

Stipendio vigile urbano contratto di tipo C: ecco i benefit

Stipendio vigile urbano, ecco quanto guadagna un agente della Polizia Municipale con contratto di tipo “C”: ecco tutti i benefit.

Categoria giuridica C, con il seguente trattamento economico:

  • trattamento economico annuo lordo Euro 19.454,15;
  • tredicesima mensilità;
  • indennità di comparto Euro 549,60;
  • indennità di € 780,30 annui lordi o € 1.110,84 annui lordi ripartiti per 12 mesi a favore del personale in possesso di determinati requisiti e per l’esercizio di specifiche funzioni;
  • indennità di vacanza contrattuale ammontante ad € 12,16 mensili;
  • assegno per nucleo familiare, se ed in quanto dovuto.

pescara donna scomparsa

Pescara scomparsa Annamaria Tabellione news: lite con il marito prima di allontanarsi

Spese di casa: dove tagliare per risparmiare