di Stephanie Barone in ,

Congedo paternità 2017 Inps: le novità, come funziona e come richiederlo


 

Con la Legge di Bilancio per il nuovo anno molto è cambiato anche nel congedo paternità 2017 erogato dall’Inps: ecco le novità, come funziona tra obbligatorio e facoltativo e come richiederlo.

congedo paternità 2017, congedo paternità 2017 inps, congedo paternità 2017 nascita, congedo paternità 2017 novità, congedo paternità 2017 come funziona, congedo paternità 2017 come richiederlo,

Congedo paternità 2017 Inps: le novità dalle Legge di Bilancio di quest’anno

Importanti novità dalla Legge di Bilancio approvata a fine 2016 per quel che riguarda il congedo paternità 2017 e oltre. Insieme al pacchetto famiglia, composto dal Bonus Bebè, dal Bonus Mamma Domani, ma anche dai Voucher Babysitter, dai Buoni Nido nonché dal Fondo Credito per i nuovi Nati, il Parlamento ha anche approvato le modifiche al congedo paternità 2017. Fino a questo momento infatti i neo papà avevano la possibilità di rimanere a casa dal lavoro senza perdere una parte dello stipendio (o richiedere giorni di ferie) esclusivamente un giorno per la nascita del proprio figlio e di richiederne due ulteriori, facoltativi, solo se non coincidenti con il periodo di congedo parentale della madre. Come è cambiato quindi il congedo paternità 2017 erogato dall’Inps con le modifiche della Legge di Bilancio?

=> Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci sulla pagina Facebook URBAN DONNA!

Congedo paternità 2017 Inps: numero di giorni e come funziona tra obbligatorio e facoltativo

Un importante cambiamento con la Legge di Bilancio quello del congedo paternità 2017, che cambierà ulteriormente e progressivamente con il 2018. Per quel che riguarda quest’anno, in via sperimentale il numero di giorni obbligatori che i neo papà hanno a disposizione diventano due, da poter sfruttare anche consecutivi; permangono anche i due facoltativi che però devono essere richiesti entro il quinto mese dalla nascita del bambino, alternativamente al periodo a casa dal lavoro della madre. Ulteriori modifiche sono in programma per il prossimo anno; con il 2018 infatti il congedo paternità obbligatorio salirà a quattro giorni, con la possibilità di richiedere uno ulteriore facoltativo in alternanza con la madre entro il quinto mese dal parto. Durante le giornate a casa dal lavoro grazie al congedo paternità, obbligatorio come facoltativo, il padre lavoratore riceverà dall’Inps come di consueto il 100% della retribuzione. 

“Si tratta di un obiettivo trasversale che è appoggiato da diversi gruppi politici, perché è una norma che può avere effetti sperimentati su tanti fronti: dalla condivisione dei carichi familiari alla minore penalizzazione delle donne sul lavoro a causa della maternità” ha spiegato a Il Sole 24 Ore Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati Pd in Parlamento. “E’ importante che si tratti di un congedo obbligatorio perché così si afferma che è un diritto e allo stesso tempo è un vantaggio per tutti per l’effetto positivo che ha su tutto il sistema”.

Congedo paternità 2017 Inps: come richiederlo

Una volta comprese le novità che la nuova Legge di Bilancio ha apportato alla normativa relativa al congedo paternità 2017, è fondamentale sapere chi può richiederlo, a chi e come è possibile farlo. Per prima cosa bisogna ricordare che il congedo paternità 2017 è disponibile per tutti i padri lavoratori dipendenti anche adottivi e affidatari i quali possono farne richiesta entro cinque mesi dall’entrata in famiglia del bambino. A chi richiederlo quindi? Come spiega il sito ufficiale dell’Inps, nel caso di pagamento a conguaglio, i padri devono farne richiesta in forma scritta direttamente al proprio datore di lavoro. Differentemente, in caso di pagamento diretto da parte dell’Inps, è necessario farne richiesta direttamente all’Istituto attraverso una tra le seguenti modalità:

  • WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite pin dispositivo sul portale dell’Istituto (www.inps.it Servizi on line);
  • Contact Center integrato – n. 803164 (oppure 06164164);
  • Patronati, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook