in

Conte da Macron, pace fatta ma Eliseo attacca Salvini: “Asse con Austria e Germania? Brutti ricordi”

C’è stato il tanto atteso faccia a faccia tra il premier italiano, Giuseppe Conte, e il presidente francese, Emmanuel Macron: l’incontro è arrivatodopo le tensioni e la tregua sulla vicenda migranti in particolare dopo il caso della nave Aquarius. “Ci sono stati dei giorni un po’ turbolenti, è stato un momento di particolare tensione per l’Italia, nostro primo obiettivo è stato mettere in sicurezza la nave e le persone sulla nave. Abbiamo offerto subito il nostro supporto logistico, e abbiamo gestito un momento di difficoltà con la massima determinazione. Con Macron c’è una perfetta intesa, c’è stata una telefonata in cui ci siamo perfettamente chiariti”.  lo ha detto il Presidente del Consiglio italiano durante la conferenza stampa. 

Conte da Macron, pace fatta e nuove proposte di cooperazione

Il presidente del consiglio ha annunciato un vertice Italia-Francia in autunno a Roma: “Un’occasione per rafforzare la cooperazione”. Sono lieto di aver visto Macron nella mia prima visita all’estero, lo ringrazio. Con il presidente – ha detto il premier italiano – abbiamo condiviso l’idea di lavorare insieme sulle principali sfide dell’Ue”. “Il regolamento di Dublino deve cambiarie – ha aggiunto -: l’Italia è contraria e sta preparando una proposta propria che non vede l’ora di condividere con gli altri partner in vista di formalizzarla alla prossima presidenza Ue austriaca”. Dal canto suo, Macron ha sottolineato come:  “Servono riforme per affrontare le sfide”. Secondo il presidente transalpino, la Francia, come l’Italia, deve gestire questa crisi migratoria, dando risposte insieme. “Dobbiamo adottare risposte europee – ha rilevato -, non ci possono essere risposte nazionali. Speriamo di andare avanti con i partner europei nei prossimi mesi su una riforma profonda delle regole di Dublino per una migliore responsabilità e divisione” del peso dei migranti. Il sistema oggi non funziona – ha aggiunto Macron – non dà risultati soddisfacenti, dobbiamo trovare meccanismi che consentano la solidarietà e dobbiamo fare in modo che la situazione geografica non ci metta in situazioni politiche insostenibili”.MATTEO SALVINI QUOTE ROSA

Eliseo contro Salvini

“A Ventimiglia i cinici e gli irresponsabili sono oltre il confine”. Più tardi ha rincarato la dose: “Abbiamo cominciato a dire dei no. È il momento di tirare fuori le palle”. Uscite simili a quelle che già nei giorni scorsi hanno messo a rischio il bilaterale Conte-Macron. Conte, in conferenza stampa, ha parlato di “piena condivisione con Salvini”. Macron invece lancia una stilettata a proposito dell’intesa tra i ministri dell’Interno di Roma, Vienna e Berlino su cui Salvini tanto insiste negli ultimi giorni: “Sui migranti io vorrei un asse dei volenterosi che abbracci l’intero arco europeo, è quello a cui aspiriamo. Un asse tra Berlino, Vienna e Roma? Questa formula in passato non ha mai portato fortuna”

Meteo estate 2018, come sarà? Modello e previsioni stagionali

Sara Luciani trovata morta esito autopsia: prima terribile conferma