in ,

Conte – Mourinho continua la lite: “Sai cos’è l’Epo?” “Non dimenticherò”

Una sfida verbale d’altri tempi: Antonio Conte e José Mourinho stanno emozionando il mondo intero con il teatrino mediatico che va avanti da ormai oltre una settimana. Ma adesso sembra tutto finito con il coach italiano che vuole chiuderla qui ma promette: “Non dimenticherò”.

Lite Mourinho – Conte: il riepilogo delle puntate precedenti

Ha iniziato Mourinho. L’ex tecnico dell’Inter ha acceso la miccia definendo Conte un “pazzo” per come si muove e gesticola in panchina. L’allenatore leccese ha replicato parlando di demenza senile, cioè dal suo punto di vista Mou non si ricorderebbe di fare anche di peggio durante le partite. A quel punto il portoghese ha iniziato ad andarci giù pesante e ha tirato in ballo il coinvolgimento di Conte nel calcio scommesse per omessa denuncia.
Conte ha replicato in maniera piuttosto piccata definendo Mourinho un “piccolo uomo” ieri,oggi e domani.

Mourinho stuzzica Conte: “Sai cos’è l’Epo?”

Eladio Parames, portavoce di Mourinho, ha scritto un articolo su ‘Record’ dal titolo: “Conte, sai cos’è l’Epo?”. Parames fa ovviamente riferimento allo ‘scandalo’ doping che, nella stagione 1995-1996, vide protagonista la Juventus. “I giocatori della Juventus sono stati accusati di essersi dopati all’epoca con il famoso Epo, o in un linguaggio semplicistico, di aver fatto trasfusioni di sangue per aumentare le prestazioni sportive. Il caso scoppiò e il calcio rabbrividì. Il caso finì in tribunale ma, appello dopo l’appello, si arrivò alla prescrizione, senza che qualcuno venisse punito seriamente. E chi era allora il capitano della Juve? Antonio Conte!”.

Antonio Conte attacca Mourinho: “Non dimenticherò”

Alla vigilia della semifinale di Coppa di Lega contro l’Arsenal, il manager del Chelsea ha avvertito il collega: “Ha usato parole gravi che non dimenticherò”. Il riferimento è alla battuta del portoghese che aveva ricordato la squalifica di quattro mesi per il calcio-scommesse subita da Conte quando allenava il Siena. “Ormai non è più un problema di rivalità sportiva, ma è un problema tra me e lui. E mi fermo qui”, ha spiegato Conte, che non sembra intenzionato neppure ad accettare le eventuali scuse del collega. “Vi pare che abbia la faccia di una persona con rimorsi? Non penso proprio. Penso che entrambi ci siamo detti cose, e vedremo cosa succederà in futuro”, ha concluso Conte.

 

Concorso vigile urbano 2018 bando: assunzioni disponibili a gennaio, ecco dove e come fare domanda

L’Isola dei Famosi 2018 news, terremoto Honduras: slitta l’inizio del reality show?