di Antonio Paviglianiti in

Contratto scuola 2018: formazione e tutoraggio alternanza obbligatori ma non retribuiti? Le ultimissime (GUIDA)


 

Contratto scuola 2018, sigle sindacali sul piede di guerra per attività alternanza scuola – lavoro senza aumento del salario…

contratto scuola 2018

Contratto scuola 2018, continua lo scontro tra il Miur e le sigle sindacali a tutela del corpo docenti italiano. In attesa di capire quali saranno gli sviluppi per quanto concerne gli aumenti salariali arriva notizia dell’obbligatorietà della formazione e del tutoraggio per alternanza scuola – lavoro.

Leggi anche: Tutte le informazioni sul mondo della scuola 

Contratto scuola 2018, la nota sindacale USB

Ecco i dettagli della nota sindacale per la trattativa relativa al contratto scuola 2018: “Lunedì 15 USB, insieme alle altre OO.SS. rappresentative nel comparto Istruzione e Ricerca, sarà impegnata all’ARAN per continuare la discussione del rinnovo del contratto di lavoro della scuola e della ricerca. Siamo consapevoli che il nostro interlocutore è sordo o, peggio ancora, sembra avere idee molto chiare e totalmente diverse da quelle dei lavoratori. Siamo dinanzi all’ultimo di una serie di governi proni all’ideologia neoliberista europea, pronti ad istituire un sistema coercitivo, repressivo e liberticida.”

Contratto scuola 2018, formazione e tutoraggio alternanza obbligatori ma non retribuiti

Continua lo scontro per quanto concerne il nuovo contratto scuola 2018 e la sigla sindacale USB evidenzia come non sia possibile pensare alla formazione e tutoraggio alternanza obbligatori ma privi di retribuzione per il contratto docenti 2018: “La formazione obbligatoria, interamente basata sulla ideologia delle competenze, schiava della logica del mercato e del Capitale, e l’Alternanza scuola/lavoro, diventano, stando alle intenzioni del governo, obblighi insiti nella funzione docente. Lo sospettavamo da tempo. La lettura della bozza consegnataci all’ARAN ci ha tolto ogni dubbio: la formazione dei docenti e il tutoraggio degli alunni nei percorsi di Alternanza scuola/lavoro rientreranno tra gli “adempimenti individuali dovuti”. Di fatto, si tratta di un aumento delle cosiddette attività funzionali all’insegnamento, realizzato senza prevedere nemmeno uno straccio di aumento salariale.”Personale Ata 2018 terza fascia bando

Contratto scuola 2018, USB contro la Legge 107

Inoltre, in vista della trattativa per il contratto scuola 2018, la sigla sindacale USB coglie l’occasione per ribadire la propria posizione sulla Legge Buona Scuola realizzata dal Governo Renzi: “Noi non ci stiamo e ribadiamo tutta la nostra contrarietà alla legge 107 e all’ideologia che sta alla sua base. Il rinnovo del contratto di lavoro dovrebbe essere l’occasione per adeguare, migliorandole, le condizioni di vita dei lavoratori. Per noi dell’USB, pertanto, esiste un solo obiettivo: aumento del salario e dei diritti di tutti i lavoratori.”Sciopero docenti 8 gennaio 2018

Stipendio insegnanti in Italia: ecco quanto si guadagna

Quanto si guadagna a lavorare nel mondo della scuola? Qual è lo stipendio degli insegnanti in Italia? Ecco le ultimissime stime secondo i dati forniti dal Miur, Ministero dell’Istruzione, e sindacati.

  • Stipendio Insegnante scuola di infanzia

Stipendio lordo (appena assunto): 18.000 euro
Stipendio lordo (dai 9 ai 14 anni di servizio): 20.000 euro
Stipendio lordo (oltre 35 anni di servizio): 26.000 euro

  • Stipendio Insegnante scuola primaria

Stipendio lordo (Appena assunto): 19.324 euro
Stipendio lordo (dai 9 ai 14 anni di servizio): 21.454 euro
Stipendio lordo (oltre 35 anni di servizio): 28.291 euro

  • Stipendio Insegnante scuola secondaria di primo grado (media)

Stipendio lordo (Appena assunto): 20.973 euro
Stipendio lordo (dai 9 ai 14 anni di servizio): 23.444 euro
Stipendio lordo (oltre 35 anni di servizio): 31.325 euro

  • Stipendio Insegnante scuola secondaria di secondo grado (superiore)

Stipendio lordo (appena assunto): 20.973 euro
Stipendio lordo (dai 9 ai 14 anni di servizio): 24.062 euro
Stipendio lordo (oltre 35 anni di servizio): 32.912 euro

Stipendio Insegnanti in Italia: quanto guadagnano i docenti in Europa?

L’Italia nella classifica OCSE sugli stipendi degli insegnanti si trova al 16° posto, ben al di sotto della media, ed è per questo che nei mesi scorsi l’OCSE ha posto l’attenzione sull’importanza di un rinnovo contrattuale per gli insegnanti del nostro Paese. Infatti, il rapporto annuale dell’OCSE ha rilevato un calo del 7% dello stipendio degli insegnanti, in termine di valori reali, negli ultimi 4 anni. E probabilmente non sarà sufficiente l’aumento preannunciato di 85€ lordi (e medi) per equiparare lo stipendio dei docenti italiani a quelli degli altri Paesi europei.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook