di Corinna Garuffi in ,

Corpo Europeo di Solidarietà 2017: che cos’è il nuovo programma europeo di lavoro e volontariato



 

Conoscete il nuovo programma di mobilità pensato dall’Unione Europea? Ecco che cos’è il Corpo Europeo di Solidarietà, come funziona il progetto e chi può aderirvi

Nuovo programma europeo Corpo europeo di solidarietà 2017

Sta per diventare realtà il Corpo Europeo di Solidarietà, un nuovo programma di mobilità pensato dalla Commissione Europea per favorire lo scambio e il lavoro in un’ottica internazionale. Preannunciato dal Presidente Jean Claude Juncker lo scorso settembre, il programma si attiverà in più settori ricalcando le azioni dell’Esercito della Salvezza: dalla sanità alla protezione ambientale, fino ad arrivare all’assistenza di rifugiati e migranti.

Come funziona? I giovani under 30 che risiedono nell’Unione Europea potranno partecipare a un periodo di volontariato della durata compresa tra i 2 e i 12 mesi, oppure approfittare di questa opportunità per formarsi in Europa seguendo uno stage o un periodo di apprendistato. La registrazione sarà possibile per tutti coloro che hanno compiuto i 17 anni di età, collegandosi al portale www.europa.eu/solidarity-corps, previo il superamento di una selezione.

SCOPRI TUTTE LE OPPORTUNITA’ PER I GIOVANI SU URBAN POST!

Come riportato da Il Sole 24 Ore, i volontari riceveranno un rimborso spese, mentre coloro che aderiranno al periodo di apprendistato firmeranno un contratto a cui corrisponderà una remunerazione. In tutti i casi, sarà emesso un certificato di fine percorso che sancisce la partecipazione. Obiettivo? Coinvolgere nel corpo europeo di solidarietà ben 100mila giovani europei entro il 2020.

Tra le novità annunciate, anche l’intenzione di istituire una sorta di ‘ErasmusPro’, un’azione specifica di Erasmus Plus che sosterrà i collocamenti di lunga durata degli apprendisti nell’Unione Europea.

In apertura: foto tratta dalla pagina Facebook European Youth

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook