in

Cosa è il mandato esplorativo? Le curiosità sul Governo 2018

Oggi, 18 aprile 2018, Sergio Mattarella, Capo dello Stato, conferirà l’incarico a Maria Elisabetta Casellati, attualmente Presidente del Senato. Si tratta di un mandato esplorativo. Non esistono definizioni ufficiali di questa formula e l’espressione non è contenuta all’interno di leggi o regolamenti. Il sito del governo, in merito, gli dedica appena poche righe: «Anche se non espressamente previsto dalla Costituzione, il conferimento dell’incarico può essere preceduto da un mandato esplorativo che si rende necessario quando le consultazioni non abbiano dato indicazioni significative». L’Enciclopedia italiana definisce il mandato esplorativo come l’incarico che il capo dello stato affida a un uomo politico per una prima indagine sulla possibilità di formare il governo.

Leggi anche: Maria Elisabetta Casellati al Colle alle 11

Cosa è il mandato esplorativo: cosa prevede la Costituzione

Si parla anzitutto di fase preparatoria subito dopo le votazioni. Questa fase consiste essenzialmente nelle consultazioni che il Presidente svolge, per prassi costituzionale, per individuare il potenziale Presidente del Consiglio in grado di formare un governo che possa ottenere la fiducia dalla maggioranza del Parlamento. Questo meccanismo viene attivato, ovviamente, ogni qualvolta si determini una crisi di governo per il venir meno del rapporto di fiducia o per le dimissioni del Governo in carica. L’ordine delle consultazioni non è disciplinato se non dal mero galateo costituzionale ed è stato soggetto a variazioni nel corso degli anni (in alcuni casi il Presidente della Repubblica ha omesso alcuni dei colloqui di prassi). In sostanza, questa fase può ritenersi realmente circoscritta a quelle consultazioni che potrebbero essere definite necessarie e, cioè, quelle riguardanti i Capi dei Gruppi parlamentari e dei rappresentanti delle coalizioni, con l’aggiunta dei Presidenti dei due rami del Parlamento, i quali devono essere comunque sentiti in occasione dello scioglimento delle Camere. A titolo esemplificativo può dirsi che l’elenco attuale delle personalità che il Presidente della Repubblica consulta comprende: i Presidenti delle camere; gli ex Presidenti della Repubblica, le delegazioni politiche.

Cosa è il mandato esplorativo e la sua funzione politica

Nella prassi politica “mandato esplorativo” ha finito con l’assumere una definizione più specifica: un incarico che il presidente, nel caso specifico Sergio Mattarella, affida a qualcuno che non è destinato a diventare il futuro presidente del Consiglio, ma che ha solo il compito di verificare l’esistenza di una maggioranza svolgendo consultazioni al posto del presidente. Chi ha ricevuto questo mandato svolge una serie di incontri con le forze politiche, formali o informali, al termine delle quali riferisce il risultato al presidente della Repubblica, che decide come comportarsi. Il cosiddetto “mandato esplorativo” ha quindi un significato leggermente diverso rispetto ad altri termini usati a volte come sinonimi.  Quello che ricevette Pier Luigi Bersani nel 2013 fu un pre-incarico, durante il quale l’allora segretario del PD organizzò una serie di consultazioni per verificare se fosse possibile trovare una maggioranza per sostenere un governo di centrosinistra guidato da lui (non ci riuscì e alla fine rimise il mandato al presidente della Repubblica).

Governo 2018 news, Casellati convocata al Quirinale alle 11: è il giorno del mandato?

Elezioni a luglio 2018, Rotondi (FI): «Vincerà M5S, il nostro elettorato va al mare»

Governo 2018 news, Salvini a Di Maio: “Torni sulla Terra, ho detto no al Pd”