di Antonio Paviglianiti in ,

Che cos’è la meningite? Sintomi e prevenzione



 

Che cos’è la meningite? Sintomi e prevenzione, tutto quello che c’è da sapere sul virus che sta colpendo soprattutto la Toscana

Meningite Batterica

Meningite, cos’è? Ecco cosa dobbiamo sapere

Nelle ultime settimane, in Italia, si parla tanto di Meningite. Da qualche anno la Toscana è la regione più colpita dove gli istituti ospedalieri constatano casi di meningite quasi quotidianamente. Adesso, però, questo virus sembra essersi diffuso anche in altri luoghi di Italia: nel 2016, infatti, alla Università Statale di Milano due studentesse hanno perso la vita. Nella giornata di ieri, invece, un uomo di 50 anni a Roma è morto a causa della meningite. E allora, la domanda da porsi è la seguente: cos’è la meningite?

Per Meningite si intende una malattia abbastanza grave che si registra nel momento in cui si presenta un’infiammazione delle meningi. Cosa sono le meningi? Con questo termine scientifico vengono intese quelle membrane che rivestono il cervello. Qualora queste dovessero essere infiammate, e dunque saremmo in presenza di Meningite, possono registrarsi gravi sintomi neurologici al cervello che portano a condizioni gravi del “malato” come sordità, paralisi, epilessia, ritardo mentale o, nel peggiore dei casi, morte.

—> MENINGITE: TUTTO QUELLO CHE DOBBIAMO SAPERE

Che cos’è la Meningite: da cosa è causata

Ma da cosa può essere causata la Meningite, ovvero l’infiammazione delle membrane che rivestono il cervello? Causa di questo virus, dunque, possono essere sia per batteri che per virus. La più difficile da contrastare è quella batterica causata da tre germi: l’emofilo di tipo B, il pneumococco e il meningococco.

—> I CASI DI MENINGITE RECENTI

La meningite è causata da microrganismi. Tale infiammazione può essere provocata da microrganismi di tipo commensale, presenti nell’organismo umano e quindi non patogeni, ma diventa virulenta se la resistenza dell’organismo diminuisce, come può accadere in seguito a un raffreddore. Un altro fattore è uno stato di infiammazione dovuto a lesione traumatica della scatola cranica, in seguito al quale i microrganismi penetrano nelle meningi attraverso la ferita aperta.

agerola morto 18enne per meningite

Meningite che cos’è: i sintomi

Quali sono i sintomi da non sottovalutare quando si manifesta la Meningite? I sintomi principali della meningite sono febbre, nausea, vomito e irritazione delle membrane che il ‘malato’ avverte come una forma di rigidezza dei muscoli nucali. La meningite, inoltre, presenta dei segni “collaterali” come diminuzione dello stato di coscienza, con senso di torpore, battito cardiaco rallentato ed episodi convulsivi.

Meningite che cos’è: come viene riconosciuta

Come viene riconosciuta la meningite? La diagnosi si effettua prelevando una piccola quantità di liquido cerebrospinale prelevato mediante puntura lombare. Questa manovra non comporta rischi per il paziente. La natura, e la conseguente gravità, dell’infezione può essere stabilita identificando la natura e la quantità dei microrganismi patogeni.

  • Se la meningite è di origine virale, i pazienti sono gravemente malati per alcuni giorni senza perdere conoscenza e ristabiliscono entro una settimana.
  • Se gli organismi patogeni sono di origine tubercolare, la guarigione richiede un tempo notevolmente più lungo. Inizialmente, i sintomi si limitano a malessere generale, mal di capo e irrequietezza; vengono colpiti anche alcuni nervi craniali.

Meningite prevenzione: come evitare questo virus

Dopo aver analizzato che cos’è e quali sono cause e sintomi della Meningite, prendiamo in esame quale può essere la migliore prevenzione. Detto che seguire i consigli utili come evitare zone affollate e luoghi chiusi, l’unica prevenzione davvero efficiente contro la meningite è la vaccinazione.

Cosa dobbiamo sapere sul vaccino per la Meningite? A questo link trovate tutte le informazioni utili su modalità e costi Regione per Regione.

Meningite prevenzione. Quando si viene colpiti dall’infiammazione delle meningi viene seguita una specifica terapia: si tratta della somministrazione di liquidi per via endovenosa, siano essi antibiotici ed altri farmaci eventualmente necessari e viene eseguita in ospedale.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook