di Michela Becciu in , ,

Cosenza: 16enne si decapita con la motosega, orrore a Francavilla Marittima


 

Cosenza: 16enne si decapita con la motosega, orrore a Francavilla Marittima. Il giovane stava aiutando il padre a tagliare la legna, poi il dramma

16enne cosenza ragazzo decapitato da motosega

Cosenza sconvolgente ultim’ora: un ragazzo di 16 anni è morto ieri, martedì 9 ottobre, in un modo incredibile: stava maneggiando una motosega, mentre aiutava il padre in casa a Francavilla Marittima, nel Cosentino, quando è successo il peggio.

Il dramma, stando alle indiscrezioni, si è verificato ieri intorno alle 19: il ragazzino stava dando una mano a tagliare la legna al padre. L’uomo, per un motivo non meglio precisato, si sarebbe assentato per qualche minuto e il giovane avrebbe impugnato l’attrezzo forse per cercare di portare a termine il lavoro. Rimasto solo, per cause ancora da chiarire, ha perso il controllo della motosega che, con uno sbalzo improvviso, gli ha reciso di netto la carotide, uccidendolo sul colpo.

>>> Kenya spari all’università: almeno due morti al campus di Mombasa <<< 

Quanto i sanitari del 118 sono arrivati sul posto, l’immagine che si sono trovati davanti agli occhi era terrificante: il giovane giaceva a terra senza vita, in un lago di sangue. Inutili i tentativi del personale medico di bloccare l’emorragia che purtroppo gli è stata fatale. Anche il sindaco è arrivato sul luogo della tragedia: “Purtroppo quando sono arrivato non c’era già più niente da fare. Il ragazzo era deceduto. Ha avuto la forza di andare verso la madre, da una stanza all’altra, ma poi è crollato a terra e il decesso è sopraggiunto in brevissimo tempo“, queste le parole del primo cittadino di Francavilla Marittima, Franco Bettarini.

La vittima era studente all’Istituto tecnico commerciale e per geometri “Filangieri” della vicina Trebisacce, sulla vicenda indagano i carabinieri della stazione di Francavilla per ricostruire esattamente come sono andati i tragici fatti.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook