di Luigi Storti

Crisi Governo: Monti Lascia dopo Approvazione Legge di Stabilità


 

Dopo l’incontro al Quirinale col Presidente della Repubblica, Mario Monti ha fatto sapere che presenterà le proprie dimissioni immediatamente dopo l’approvazione della Legge di Stabilità. Decisive le dichiarazioni in Parlamento di Angelino Alfano (Pdl)

Mario Monti Quanto Vale nei Sondaggi Elezioni Politiche 2013

“Impossibile proseguire il mandato”. Queste le parole rilasciate dal Presidente del Consiglio Mario Monti dopo l’incontro avvenuto in serata con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

La causa della caduta del “professore” è stata l’offensiva sferrata nell’aula parlamentare dal segretario del Pdl Angelino Alfano che aveva definito, poche ore prima,  “conclusa” l’esperienza dell’attuale Governo subentrato proprio al fallimentare esecutivo dell’ex Presidente Silvio Berlusconi.

Giorgio Napolitano Consultazioni Dopo MontiPRIME AVVISAGLIE. Il sentore di una fine anticipata dell’esecutivo già si era avvertito nei giorni scorsi quando durante le operazioni di approvazione delle Leggi in Senato, il Centro Destra aveva garantito solo la propria presenza per il raggiungimento del numero legale in aula (Quorum Costitutivo e Legale).

L’inasprimento degli animi si è avuto subito dopo le dichiarazioni del Ministro dello Sviluppo Corrado Passera che, senza timori reverenziali, aveva giudicato azzardata un’eventuale ri-discesa in campo del “cavaliere” dopo l’ultima esperienza alla guida del Paese che aveva portato l’Italia ad un passo dal fallimento.

L’USCITA DI SCENA DOPO L’APPROVAZIONE DELLA LEGGE DI STABILITA’ E BILANCIO. Mario Monti e la sua squadra lasceranno le poltrone di Palazzo Chigi dopo l’approvazione della Legge di Stabilità e Bilancio che avverrà prima di Natale. Dal canto loro tutte le forze politiche, da destra a sinistra, hanno mostrato la massima disponibilità per velocizzare le votazioni ed approvare il Testo.

ELEZIONI A MARZO. La data delle elezioni dovrebbe essere confermata per il 10 marzo, l’ election day. Possibile, in virtù degli effetti che la crisi dell’esecutivo potrebbe avere sui mercati e sul Rating dell’Italia, che la data venga anticipata a febbraio onde evitare ulteriori ripercussioni sul Paese. Intanto il timore di un innalzamento dello Spread e la rapida perdita di una credibilità recuperata con non poco affanno la fanno da padrona. Berlusconi, lancia l’inizio della campagna elettorale sia nelle sale di Palazzo Grazioli sia attraverso Facebook. Pierluigi Bersani (Pd), fresco vincitore delle Primarie, si dice pronto alla sfida elettorale reputando come “un atto responsabile” il passo indietro di Monti.

Il Paese ritorna in un clima di nuova incertezza dopo il prezioso lavoro dell’ultimo anno, le Agenzie di Rating sono alla finestra, le Borse iniziano a fluttuare in negativo già “prima” dell’apertura ufficiale che avverrà lunedì; di sicuro ciò che è successo nelle ultime ore lascerà il segno.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook