in

Crollo ponte a Genova, Conte: «Via le concessioni ad Autostrade, 5 milioni per rimuovere le macerie»

Un giorno di lutto nazionale, stato di emergenza per 5 mesi, 5 milioni di euro per rimuovere le macerie e – soprattutto – l’inizio della procedura per la revoca delle concessioni ad Autostrade. Sono gli annunci del presidente del consiglio Giuseppe Conte, oggi in conferenza stampa a Genova il giorno dopo il crollo del ponte Morandi sulla autostrada A10 che ha causato 39 morti e 16 feriti. E’ soprattutto l’ultimo punto a colpire, la decisione di revocare la concessione ad Autostrade. «Al di là delle verifiche penali di quello che farà la magistratura con la sua inchiesta – ha detto il premier – noi non possiamo aspettare i tempi della Giustizia».

Prima della conferenza stampa in prefettura a Genova si è tenuto un consiglio dei ministri straordinario con il vicepremier e ministro dell’interno Matteo Salvini, il vicepremier e ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio e il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli, tutti poi presenti al fianco di Conte nell’incontro con i giornalisti. «Abbiamo deciso di proclamare una giornata di lutto nazionale, dobbiamo ancora individuare il giorno, che coinciderà con la giornata della cerimonia funebre delle persone defunte», ha annunciato poi Conte.

Tra gli altri provvedimenti decisi dal consiglio dei ministri straordinario di oggi a Genova c’è l’importante stanziamento di 5 milioni di euro per la rimozione delle macerie del ponte Morandi crollato. Gli sfollati sono infatti 559, altri se ne sono aggiunti nella giornata di oggi dopo ulteriori verifiche da parte dei Vigili del Fuoco. Il premier stamani ha incontrato il procuratore Cozzi che gli ha assicurato rapidità per poter rimuovere le macerie nel Polcevera. Riguardo la viabilità, invece, Governo, Comune di Genova e Regione Liguria stanno lavorando insieme. L’obiettivo è dare al più presto una soluzione che consenta una normale transitabilità dell’importante snodo autostradale di Genova. «Con il sindaco ed il governatore Toti abbiamo messo a punto dei percorsi viari alternativi per quanto riguarda la città di Genova – ha detto il premier – confidiamo di realizzarli a breve ed anche per questo motivo è importante rimuovere il prima possibile le macerie».

Leggi anche –> Crollo ponte Morandi a Genova, 39 morti e 16 feriti – LIVE BLOG

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Morta Rita Borsellino: la sorella del magistrato si è spenta dopo una lunga malattia

Crollo ponte a Genova, giallo sulla revoca della concessione ad Autostrade