in

Da Pompei fino al Tiepolo, a Ravenna si riscopre l’incanto dell’affresco

“L’incanto dell’affresco” è il titolo dell’eccezionale esposizione che il MAR – Museo d’Arte della città di Ravenna (via di Roma, 13) ospiterà fino al 15 giugno 2014.

Ravenna

Curata da Claudio Spadoni, direttore scientifico del museo, e Luca Ciancabilla, ricercatore del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Bologna, l’esposizione raccoglie ben 110 capolavori che raccontano in modo inedito l’antico patrimonio pittorico italiano attraverso l’esperienza della pittura murale.

La pratica del distacco delle pitture murali risale ai tempi di Vitruvio e di Plinio, secondo una tecnica che consisteva nella rimozione delle opere insieme all’intonaco e al muro che le ospitava. Un’operazione che favorì il trasporto a Roma di dipinti provenienti dalle terre conquistate che sarebbero stati altrimenti inamovibili, e che dopo secoli di oblio tornò in uso a partire dal Rinascimento.

Dai masselli cinque-seicenteschi ai trasporti provenienti da Pompei ed Ercolano del Settecento, dagli strappi ottocenteschi, fino ad arrivare agli affreschi staccati nel corso degli anni Settanta del Novecento: un lunghissimo percorso, che vede protagoniste – tra gli altre – le opere di Giotto, Pisanello, Andrea del Castagno, Perugino, Raffaello, Correggio, Pontormo, Moretto, Ludovico e Annibale Carracci, Guido Reni, Guercino, Tiepolo.

Fino al 31 marzo la mostra osserverà questi orari: 9 – 18 (dal martedì al venerdì); 9 – 19 (sabato e domenica). Dal 1° aprile: 9 – 18 (da martedì a giovedì); 9 – 21 (venerdì); 9 – 19 (sabato e domenica). Chiuso il lunedì.

Biglietto intero a 9 euro. 

Per saperne di più, visita il sito ufficiale.

(fonte: Emilia-Romagna Turismo; autore dell’immagine: Alaskan Dude, da Flickr.com)

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

videomaker concorso conciliazione lavoro e famiglia

L’anello debole, concorso per cortometraggi a contenuto sociale

Le “bambine terribili” dei fumetti in mostra a Milano