in

Daniela Poggiali presunta infermiera killer, Cassazione annulla assoluzione: “Fare nuovo processo”

Daniela Poggiali sarà di nuovo processata. Radiata dall’albo degli Infermieri, accusata di avere ucciso l’anziana paziente Rosa Calderoli iniettandole una dose letale di cloruro di potassio e di altre morti sospette in corsi, incarcerata per oltre tre anni, condannata in primo grado all’ergastolo poi l’8 luglio 2017 assolta in Appello dalla Corte d’Assise d’Appello di Bologna “perché il fatto non sussiste”. Dopo un anno da donna libera oggi la nuova batosta per lei, presunta “infermiera killer” all’ospedale di Lugo di Ravenna: la Corte di Cassazione ha infatti accolto il ricorso fatto dal procuratore generale di Bologna e delle parti civili ordinando un Appello bis e, dunque, annullando l’assoluzione della Poggiali.

Daniela Poggiali foto shock

Potrebbe interessarti anche: Daniela Poggiali assolta si difende in tv: ecco il perché delle foto con i pazienti morti

L’infermiera Daniela Poggiali – lo ha detto la pg Mariella De Masellis che aveva chiesto di accogliere il ricorso – agiva in modo “sconcertante”: è stata ritenuta colpevole di furti in reparto e non solo, e per questo condannata in via definitiva a 4 anni e 4 mesi dalla Cassazione. A completare il quadro probatorio, le ormai tristemente note foto di lei che sorride accanto ad una paziente appena deceduta.

daniela poggiali selfie con i pazienti morti

“Quegli scatti sono brutti, immorali, sì. Mi sono scusata con i familiari di quei pazienti ma di più non posso fare […] Credo di aver già pagato abbastanza per quelle foto, anche più del dovuto. Adesso basta, che non se ne parli più”, disse la Poggiali in tv qualche mese fa per giustificare il suo riprovevole gesto, negando tuttavia con forza di avere mai ucciso un paziente dell’ospedlae in cui prestava servizio. Ci sono le foto “raccapriccianti” con una donna appena morta, ha precisato la pg, inoltre “manipolava i degenti, somministrando farmaci a piacimento”: è una donna “scaltra e senza pietas”.

 

 

Strage di Erba, Olindo rompe il silenzio dopo il no della Cassazione ad analisi reperti

Tarquinia, crolla il balcone: Marco, 37 anni, muore dopo un volo di 4 metri