in

Davide Astori funerali, la lettera di Milan Badelj

Oggi nella Basilica di Santa Croce a Firenze si sono tenuti i funerali di Davide Astori. L’ultimo saluto della società, dei compagni di squadra, dei tifosi e soprattutto della famiglia ad un ragazzo andato via troppo presto. Circa sei mila tifosi accorsi fuori alla basilica per acclamare per l’ultima volta il loro capitano. Presente anche molti rappresentanti dei club di Serie A, il presidente e i dirigenti della Lega, tutti hanno voluto salutare Davide Astori. Durante l’omelia, Milan Badelj ha letto una lettera che ha emozionato tutti i presenti.

La lettera di Milan Badelj per l’ultimo saluto a Davide Astori

“Davide, tu sei semplice, diretto, pragmatico. Col tuo sguardo profondo riuscivi a entrare dentro lo sguardo delle persone e a rimanerci. Tu non sei come tutti gli altri. Sei riuscito a parlare con tutti noi, a indicarci la strada, hai sempre parlato col cuore. Hai incitato i più giovani e bacchettato i più vecchi, ha il dono della lingua universale del cuore, dono di pochi eletti. Tua mamma, tuo papà devono sapere che non hanno sbagliato una virgola con te. Se sei così, è perché te lo hanno trasmesso. Sei il figlio e fratello che ognuno vorrebbe avere, sei il miglior compagno di squadra che un ragazzo possa sognare di avere quando inizia questo bellissimo gioco. Come possiamo dimenticare le tue risate, il tuo modo di scherzare. Tu, designer di fama mondiale, calciatore nel tempo libero come ti amavi definire. In realtà, tu sei il calcio, quello puro dei bambini. Il nostro pensiero va a mamma, papà, Bruno, Marco, Francesca e principessa Vittoria. Sarà compito di chi le sta accanto raccontarle chi era Davide, un Uomo con la u maiuscola. Al mattino, nella stanza della fisioterapia, eri sempre tu ad accendere la luce. Ecco, tu per noi sei la luce. Grazie Davide”

L’ultimo saluto di Firenze a Davide. #Astori #DA13💜⚜️

Un post condiviso da 📷 ACF Fiorentina 📷 (@acffiorentina) in data:

Non serve aggiungere altro alle parole di Milan Badelj. Il calciatore croato dovrà prendere l’eredità pesante lasciata dal suo compagno scomparso.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Striscia la Notizia canna-gate: spunta il nome di un nuovo naufrago, chi è?

Striscia la Notizia canna – cage: clamorose rivelazioni di Giulia Calcaterra