di Valeria Panzeri in

Decreto Vaccini, il Prof Burioni lo benedice e ricorda “I vaccini devono essere tutti gratuiti, la multa è una pessima idea”


 

Il Professor Roberto Burioni commenta il decreto sui vaccini appena approvato: condannando il “multa affaire”

VACCINO ASILO NIDO

La “linea Fideli” è passata, il Governo introduce quindi l’obbligatorietà vaccinale per asili nido e scuole materne, ovvero per i bambini in una fascia d’età compresa dagli 0 ai 6 anni. Differente, invece, lo scenario che va a interessare le scuole dell’obbligo – elementari, medie e primi due anni delle superiori – in cui le mancate vaccinazioni porteranno a una sanzione pecuniaria nei confronti dei genitori. Ospite alla trasmissione Genetica Oggi condotta da Andrea Lupoli su Radio Cusano Campus il Prof. Roberto Burioni, Professore Ordinario Virologia Università Vita-Salute San Raffaele, ha commentato il provvedimento.

Sono estremamente favorevole al decreto legge sui vaccini. Negli Stati Uniti, in California la terra della libertà, nel 2015 hanno stabilito l’obbligatorietà dei vaccini per essere ammessi alle elementari e i risultati sono stati entusiasmanti. Le coperture sono schizzate ben al di sopra di quelle che sono le soglie di sicurezza. Non è detto che funzioni anche in Italia ma è indispensabile provarci perché la diffusione del morbillo sta costituendo un vero pericolo. Dal mio punto di vista più si sale con l’età dell’obbligo vaccinale meglio è. Il diritto alla salute viene prima di quello all’istruzione. E’ una scelta doverosa. Riguardo la Ministra Fedeli, la possibilità di non vaccinare i propri figli dietro pagamento di una multa è una pessima idea, è una sorta di simonia laica. Se trucco la mia automobile, una Panda, e metto un motore che mi fa andare a 300 Km/h quell’automobile non è più sicura. Se mi ferma la Polizia non mi fa solo la multa, mi sequestra l’automobile. Ecco questo è un concetto molto importante. I vaccini devono essere tutti gratuiti, per ogni euro speso ne fanno risparmiare almeno 20. Da cittadino che paga le tasse voglio vedere i miei soldi impiegati bene e quando vengono usati per i vaccini sono usati benissimo”.

Un altro importante cambiamento risiede nel numero di vaccini obbligatori, che da 4 passano a 12. Entrano nell’elenco degli obbligatori vaccini che finora erano stati considerati facoltativi.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook