di Michele Iacovone in

Depressione: mangiare frutta e verdura aiuta a combatterla, lo conferma uno studio


 

Mangiare molta frutta e verdura, secondo un recente studio spagnolo, aiuta a combattere la depressione: ecco per quale motivo

Frutta e verdura combattono la depressione, lo conferma uno studio spagnolo

Come sappiamo, una dieta sana aiuta a riequilibrare l’organismo e anche la nostra salute mentale. Secondo un recente studio scientifico spagnolo, consumare abbondantemente frutta e verdura può aiutarci a combattere la depressione, uno dei principali mali del nuovo secolo. A evidenziarlo sono stati i ricercatori della University of Las Palmas de Gran Canaria.

In questo caso non si è trattato di una semplice indagine, ma di uno studio molto ampio che ha coinvolto circa 15 mila soggetti. L’obiettivo era proprio quello di comprendere se, effettivamente, il consumo di frutta e verdura potesse avere effetti anche sulla psiche e non solo sul corpo. Dai dati che ne sono emersi, infatti, è stato constatato come l’alto consumo di frutta e verdura sia in grado di proteggere il nostro cervello dalle patologie mentali, come depressione, ansia, e disturbo dell’umore in generale.

Oltre alla frutta e verdura, anche i legumi e la frutta secca sono in grado di apportare i medesimi benefici. Questo grazie soprattutto all’alto contenuto di grassi Omega 3, di vitamine e sali minerali. Ovviamente, a un’alimentazione sana deve essere associata l’attività fisica quotidiana e un controllo più ferreo dei vizi; queste caratteristiche forniscono il quadro completo per una corretta prevenzione.

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook