in

Dubai: «Ho trascorso 3 giorni in carcere con mia figlia di 4 anni per un bicchiere di vino!»

Un bicchiere di vino che le è costato tre giorni di carcere. Ellie Holman, 44 anni, dentista inglese, ha raccontato al Daily Mail la sua vacanza da incubo. Il suo calvario è iniziato all’aeroporto di Dubai, negli Emirati Arabi. Ma andiamo con ordine. È il 13 luglio, Ellie Holman si trova in aereo con la sua bambina di quattro anni. Un viaggio come tanti, almeno così sembra. La partenza però prende un risvolto inaspettato. Su un volo dell’Emirates Airlines viene servito alla donna un bicchiere di vino rosso. All’arrivo, la dentista è stata interrogata da un funzionario dell’immigrazione. Viene accusata di avere un visto non valido. Lei sostiene non sia vero, era già stata negli Emirati e tutto era in regola.

Comincia così un’accesa discussione. Il funzionario con tono rude e sprezzante le dice che deve rientrare immediatamente a Londra. La donna replica: la bambina è troppo stanca per un altro viaggio così lungo. Una preoccupazione che qualsiasi madre probabilmente avrebbe avuto. La resistenza della donna deve aver reso il clima ancora più teso. Il funzionario le chiede se ha bevuto qualcosa in volo. “Ho risposto di aver preso un bicchiere di vino, mi era stato offerto gratuitamente dallo staff della compagnia aerea”, racconta lei. A quel punto l’uomo si agita ancora di più perché il consumo di alcolici è illegale negli Emirati Arabi. A questo punto Ellie prova a riprenderlo con il cellulare, così da aver testimonianza dei suoi modi, ma in breve tempo è circondata da poliziotti armati. Anche filmare un funzionario è reato. Così viene condotta in una cella assieme alla sua bambina. Senza passaporto né telefono, la dottoressa non ha modo di chiamare suo marito Gary.

“La mia bambina è stata costretta a utilizzare il pavimento della cella come bagno, non l’ho mai sentita piangere così forte come lì dentro”, ha raccontato al Mail, “Il mio passaporto rimane confiscato fino alla risoluzione del caso, richiederà almeno un anno. Finora ho speso 30mila sterline tra spese legali e assenza dal lavoro. Ho perso tutti i miei risparmi”. Ellie e la figlia Bibi sarebbero rimaste in cella per tre giorni. Ha spiegato nell’intervista che le è stato chiesto di dare un campione di sangue, per analizzare l’eventuale presenza di alcol. I risultati mostravano una percentuale dello 0,04%. Una percentuale irrisoria. Stando alle parole della donna una guardia poi le avrebbe tolto gli orecchini e provato a strapparle le extension dai capelli. «Ho chiesto più volte acqua e cibo, la possibilità di andare in bagno, ma la risposta è stata sempre negativa!».

Sembra un film o un romanzo, ma è accaduto davvero. Scene degne del miglior Kafka. La dottoressa Holman è stata portata in manette all’aeroporto e rilasciata su cauzione. Una salata cauzione. La piccola Bibi ora è tornata in Inghilterra, la donna invece si trova ancora a Dubai. Il suo passaporto è stato confiscato. Sulla triste vicenda è intervenuta Radha Stirling, CEO di Detained In Dubai, la ONG britannica per i diritti umani e rappresentante di Ellie: “Gli alberghi, i bar, i ristoranti, i club, servono bevande, ma per i turisti è totalmente illegale avere un qualsiasi livello di alcol nel sangue. È straziante vedere una madre e un bambino arrestati per qualcosa di così banale come un bicchiere di vino”.

Leggi anche —> Capri: manager francese stuprata in hotel dopo essere stata drogata

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. È nata a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Roma bimba 16 mesi positiva morbillo

Vaccini novità 2018: cosa cambia da settembre? Ecco cosa dovete assolutamente sapere!

“In 23 anni di matrimonio non l’ho mai fatto”. Questa è la confessione di Maria De Filippi che lascia tutti senza parole. E chi poteva mai immaginare una cosa simile