in

Eclissi di luna 27 luglio 2018: luna rosso sangue, quando e per quanto sarà visibile

Sarà l’eclissi di luna più lunga del secolo quella che prenderà il via il prossimo 27 luglio 2018. L’eclissi della “luna rosso sangue” sarà visibile anche dall’Italia, ben 103 minuti durante i quali il satellite sarà completamente oscurato dall’ombra della Terra. L’eclissi di una, infatti, si verifica quando Sole, Terra e Luna si trovano perfettamente allineati, mentre la durata dipende dalla distanza reciproca Terra-Luna.

Eclissi di luna 27 luglio 2018: luna rosso sangue, quando e per quanto sarà visibile

Eclissi di luna 27 luglio 2018: tutto quello che c’è da sapere e da vedere

Se il meteo sarà clemente e non ci saranno nuvole ad oscurarne la visione, dall’Italia l’eclissi di luna del 27 luglio 2018 sarà visibile quasi nella sua interezza. La Luna sorgerà poco prima delle 2, già in fase di penombra, mentre la fase di eclissi totale si verificherà tra le 21:30 e le 23:13. Il culmine dell’evento è previsto alle 22:22. Ma il 27 luglio 2018 non ci sarà solo l’eclissi di luna a rendere suggestiva la serata. Alzando lo sguardo al cielo saranno visibili ad occhio nudo ben quattro pianeti: Venere, Giove, Saturno e Marte. I primi tre potranno essere osservati già al crepuscolo, rispettivamente tra le stelle del Leone, della Bilancia e del Sagittario. Per osservare Marte, invece, bisognerà invece attendere le 21: sorgerà insieme alle stelle del Capricorno, poco al di sotto della Luna in eclissi. E sarà luminoso più che mai: trovandosi all’opposizione rispetto al Sole Marte raggiungerà infatti il massimo della visibilità. Che dire poi dell’effetto che sarà creato dalla visione affiancata della Luna… straordinario e suggestivo.

Eclisse di Luna rosso sangue: tra superstizioni e tradizione

Ma l’eclissi totale di luna è simbolo di sventura? Tra superstizioni e tradizione, l’eclissi di Luna è sempre stata considerata un evento straordinario, certamente affascinante, per alcuni spaventoso. Per alcuni credenti è un segno di Dio, un presagio dell’apocalisse. “Qualcosa sta per cambiare”, scrive nel suo ultimo libro sulle quattro lune di sangue il pastore John Hagee della Chiesa Cornerstone a San Antonio, Texas. Poiché molti riferimenti biblici citano i corpi celesti, Hagee sostiene che “Dio usa il Sole, la Luna e le stelle per inviarci segnali sulla Terra”. E in effetti la Bibbia parla della luna rosso sangue (Gioele 2:30): “E farò prodigi nei cieli e sulla Terra: 
sangue, fuoco e colonne di fumo. Il Sole sarà mutato in tenebre e la luna in sangue, prima che venga il grande e terribile giorno del Signore”. Si tratta senza dubbio di un verso abbastanza mistico, anche se la Luna si è trasformata “in sangue” diverse volte prima di oggi, e nulla di apocalittico è mai accaduto. La Luna, al di là del fenomeno dell’eclissi, ha sempre generato fin dai tempi antichi numerose credenze popolari, non sempre associate a sventure o a situazioni apocalittiche. E’ invece una costante la (presunta) influenza lunare sulla psiche umana: nel 1621 era credenza comune che chi dormiva sotto la luna piena rischiasse la pazzia, la cecità, o di trasformarsi in un lupo mannaro.

(seconda foto di A013231 – Opera propria, CC BY-SA 3.0)

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Sergio Marchionne in coma

Sergio Marchionne compagna: chi è Manuela Battezzato

varese coppia trovata morta

Salerno: donna trovata morta sul letto con la gola tagliata