di Sabina Schiavon in ,

Eclissi solare totale 21 agosto 2017: gli Stati Uniti tra turismo e marketing “spietato”


 

Eclissi solare totale del 21 agosto 2017: fenomeno astronomico o occasione di business?

eclissi solare totale 21 agosto

Negli Stati Uniti è tutto pronto per l’eclissi solare totale del 21 agosto 2017, uno degli spettacoli astronomici più attesi degli ultimi mesi nonchè tra i più spettacolari degli ultimi anni. La straordinaria eclissi, però, è anche occasione di turismo e di marketing: negli Stati Uniti, infatti, crescono di ora in ora i business intorno a questo atteso fenomeno astronomico.

==> ECLISSI SOLARE TOTALE 21 AGOSTO: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE

L’eclissi solare totale del 21 agosto 2017 sarà un vero e proprio evento storico. Negli Stati Uniti, infatti, sono ben 47 anni – era il 7 marzo 1970 – che non si verifica un’eclissi solare visibile da quasi tutti gli Stati del Paese. Lo straordinario fenomeno astronomico, però, non è solo oggetto dell’attenzione di astronomi e appassionati: complice l’unicità dell’evento, infatti, gli Stati Uniti si stanno trasformando in una vera e propria culla di business e marketing a sfondo turistico. In particolare, a godere di più degli effetti positivi dell’eclissi solare totale in arrivo è la cittadina di Casper, nel Wyoming: eletta Best Eclipse Site, è diventata il centro turistico di tutto il Paese.

“Questa eclissi è speciale perché attraversa un territorio vasto e molto abitato. Di eclissi ne avvengono ogni anno, ma spesso si vedono solo da oceani o regioni remote e bisogna davvero andare a cercare. Ne ho già viste tre, in Germania, Ghana e Mongolia. Magnifica quest’ultima: eravamo tra le montagne dell’Altai, vicino al confine con la Cina” ha spiegato l’astrofisico Gianluca Ranzini al Corriere della Sera. “Fino a un’ottantina di anni fa, si potevano fare osservazioni sulla corona solare solo durante un’eclissi totale. Quindi, gli astrofisici organizzavano delle vere spedizioni. Il sole ha un ciclo di 11 anni. Ha raggiunto la massima attività nel 2012-13, e ora è in fase calante. Significa che probabilmente quest’anno osserveremo una corona piccola e poco appariscente” ha concluso infine Ranzini, pronto a guidare un gruppo di italiani a Casper in occasione dell’eclissi. Complice del fenomeno mediatico provocato dall’eclissi solare totale è però la stessa agenzia spaziale americana, la Nasa: l’ente, oltre a creare una pagina dedicata, condivide costantemente aggiornamenti sul tema ma anche raccomandazioni e consigli per poterla ammirare al meglio. Ma come fare se non si ha la possibilità di recarsi negli Stati Uniti? Niente paura, anche in questo caso ci pensa la Nasa: l’agenzia spaziale trasmetterà infatti in diretta lo spettacolo astronomico più atteso dell’anno.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook