in ,

Elezioni 2018: il comandante De Falco candidato con il Movimento 5 Stelle

Il comandante Gregorio De Falco si è candidato nelle “Parlamentarie” del Movimento 5 Stelle. L’ufficiale della Guardia Costiera, assurto agli onori della cronaca nel corso del salvataggio dei naufraghi della Costa Concordia, ha avanzato ieri la sua candidatura attraverso il sito del Movimento. Con lui decine di altri esponenti del mondo accademico e delle professioni, tanto che il candidato premier M5S Luigi Di Maio, oggi in visita in Friuli Venezia Giulia, ha commentato «C’è stata una grandissima partecipazione e io sono felicissimo. Migliaia e migliaia di cittadini che hanno deciso di candidarsi con noi –  ha proseguito Di Maio – Nomi noti, uno su tutti il comandante De Falco, ma anche personaggi del giornalismo e dell’università. Persone non organiche al movimento ma che hanno sempre simpatizzato per noi e che condividono i nostri valori».

Tutte le notizie di politica su UrbanPost

De Falco e quel «Salga a bordo c…» che fece il giro del mondo

Il comandante De Falco fin dall’inizio della sua esposizione mediatica in seguito alla tragedia della Costa Concordia apparve agli occhi dell’opinione pubblica come una persona integerrima ed efficiente. Nelle concitate fasi del soccorso ai naufraghi della Concordia, divenne suo malgrado famoso per quel dialogo telefonico con il comandante Francesco Schettino in cui intimò più volte, senza usare giri di parole, al comandante della nave da crociera di risalire a bordo. Quel «Schettino vada a bordo ca**o!» fece il giro del mondo, evidenziando la drammaticità delle situazione venutasi a creare in seguito al naufragio e al prematuro abbandono della nave da parte del comandante della Concordia.

Leggi anche: De Falco trasferito: la replica della Capitaneria

Dopo questa visibilità mediatica, sicuramente non desiderata, Gregorio De Falco subì poi l’onta della rimozione dall’incarico operativo presso la Capitaneria di Porto di Livorno, posto che occupava da 10 anni, per esser trasferito ad attività amministrativa sempre nella città toscana. L’ufficiale fece poi ricorso al Tar con, ma senza esito. Attualmente Gregorio De Falco lavora al comando logistico della Marina militare, a Nisida, vicino a Napoli. E’ stato lui stesso a chiedere di essere trasferito lì, dopo la rimozione dagli incarichi operativi subita a Livorno.

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

roma eur trovato cadavere

Milazzo donna trovata morta davanti B&B: il viso pieno di ferite

incidente ferroviario sudafrica

Sudafrica scontro treno-autocarro, poi l’incendio: morti e feriti