in

Elezioni 2018, dietrofront Minniti dopo caos Pd: “No larghe intese, sì Governo Nazionale”

Dietrofront Minniti dopo la frase di giovedì sera che ha causato diversi malumori all’interno del Partito Democratico. L’attuale Ministro degli Interni, infatti, ha voluto correggere il tiro e mettere da parte il termine larghe intese in favore di un Governo di unità Nazionale. Il politico reggino, al Governo in qualità di Ministro degli Interni dal dicembre 2016, ha cercato di dissipare i malumori interni al Partito Democratico.

Leggi anche: Elezioni 2018, ecco le ultime notizie 

Elezioni 2018, dietrofront Marco Minniti: “No larghe intese”

“Io – ha detto Minniti nella giornata di ieri – ho dato una risposta banale ad una domanda. Mi hanno chiesto se farei il ministro dell’Interno di un governo di unità nazionale, che è altra cosa rispetto ad un governo di larghe intese ed io ho risposto di sì purché ci sia il mio partito, aggiungendo che sarebbe un riconoscimento del mio lavoro, ma non la considero una cosa molto probabile e comunque è tutto nelle mani del presidente della Repubblica”. Intanto, il Premier Gentiloni a Otto e Mezzo su La7 ribadisce la posizione di Marco Minniti: “Lui vorrebbe un governo di unità nazionale per il bene del Paese – ha sottolineato il Premier uscente – ha espresso male il concetto utilizzando il termine larghe intese…”

Elezioni 2018, Orlando dice no a un Governo Nazionale

“Il quadro – ha detto Orlando – è scritto sulla sabbia. Negli ultimi giorni di campagna elettorale può cambiare tutto soprattutto se, come sembra, gli indecisi sono tantissimi. Ci dovremo impegnare molto negli ultimi giorni. Soprattutto perché la strada di un governo di unità nazionale è impercorribile. Ripercorrere la strada delle larghe intese sarebbe un errore. Dobbiamo dire con chiarezza che siamo alternativi alla destra”.

Come scrivere un curriculum vitae per neolaureati

Edenred: opportunità di tirocinio per neolaureati

silvio berlusoni stop campagna elettorale

Elezioni 2018, Silvio Berlusconi al Tg5: “Gli indecisi scelgano noi per cambiare il Paese, con la Flat Tax arriveremo al 3%”