in ,

Elezioni 2018, Federica Dieni (M5S): “Immigrazione, obiettivo sbarchi zero”

“L’Italia non è il campo profughi d’Europa”. Inizia così l’intervento pubblicato oggi sul blog della deputata M5S Federica Dieni che in vista delle elezioni 2018 ribadisce la linea del movimento sulla questione immigrazione. La deputata pentastellata calabrese parla di “fallimento dei partiti” sulla questione e della necessità di rivedere al più presto gli accordi europei che regolano i flussi migratori.

“I cittadini pagano l’incapacità dei partiti –  scrive la Dieni – L’immigrazione deve essere gestita, le leggi rispettate, così come i Trattati europei che prevedono la solidarietà fra gli Stati membri per la gestione delle emergenze. L’Italia deve lavorare per rimuovere le cause che costringono migliaia di essere umani a lasciare i propri Paesi di origine. Ecco perché serve un embargo alla vendita di armi ai Paesi in guerra civile, la fine dello sfruttamento dei Paesi terzi, una vera cooperazione internazionale e di sviluppo dei Paesi di origine. Con vie legali e sicure di accesso all’Unione europea diminuirebbero le traversate in mare, la pressione dei flussi sulle frontiere esterne e si contrasterebbe il traffico di esseri umani”.

Tutte le notizie di politica su UrbanPost

Federica Dieni affronta poi la questione ricollocamenti, molto delicata per il nostro paese che si trova gravato dal maggior numero di richiedenti asilo in Europa. “Chiediamo – scrive la deputata M5S – il ricollocamento obbligatorio e automatico dei richiedenti asilo arrivati in Italia e la revisione del Regolamento di Dublino III che assegna gli oneri maggiori relativi all’esame delle domande di asilo e alle misure di accoglienza al primo Paese d’ingresso dell’Unione Europea. Ci deve essere certezza e velocità nelle procedure per il riconoscimento dello status di rifugiato”.  La deputata calabrese sottolinea poi l’assoluta importanza di una gestione trasparente dei fondi destinati al sistema di accoglienza, indicazione già contenuta nel programma del M5S in tema di immigrazione.

La Dieni torna quindi a farsi portavoce del movimento sulla questione immigrazione. La deputata M5S, membro della commissione Affari Costituzionali, si è occupata di immigrazione all’inizio del 2017, quando fu prima firmataria di questa mozione, che invitava il governo italiano a promuovere a livello europeo la discussione per la modifica del regolamento di Dublino. Nel 2015 era invece intervenuta criticando la gestione dei centri di accoglienza, dopo che un incendio era divampato in quello di Camini, in provincia di Reggio Calabria.

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Meteo weekend Epifania: temperature in salita ma tornano le piogge al Nord

camogli omicidio-suicidio

Bimbo Ancona strangolato a mani nude: interrogato e arrestato il padre 24enne