in

Elezioni 2018, Gregorio De Falco avrebbe aggredito la moglie: “Violento con me e la figlia”, guai per il candidato M5S al Senato

Gregorio De Falco sarebbe nei guai: il candidato al Senato in quota Movimento 5 Stelle è stato denunciato dalla moglie per aggressione. Lo riporta nell’edizione odierna il Corriere della Sera. “Mio marito, in stato di alterazione, durante un’accesa lite in casa ha aggredito me e una delle nostre due figlie” scrive il quotidiano milanese citando fonti giudiziarie: la signora De Falco ha esporto denuncia presso la Questura di Livorno. Raffaella, questo il nome della consorte del Capitano, si è rivolta alla polizia di Livorno una settimana fa, raccontando agli agenti che, poco prima, il marito aveva alzato le mani contro di lei e sua figlia, appena maggiorenne, durante un pesante diverbio in famiglia.

Leggi anche: Tutte le curiosità sulle elezioni politiche 2018

Gregorio De Falco nei guai: il racconto della moglie alla polizia di Livorno

Il Corriere della Sera, inoltre, riporta i dettagli di quanto denunciato dalla signora De Falco, Raffaella: “(…) Secondo il racconto della donna, De Falco avrebbe agito in maniera violenta mentre era in uno stato di alterazione, non meglio precisato. – scrive il quotidiano milanese –  E la figlia, dopo essere stata presa per i capelli dal padre, sarebbe fuggita di casa per tornarvi solo dopo molte ore. La signora De Falco, visibilmente scossa per l’accaduto, ha spiegato tutto nei dettagli agli investigatori.E forse soltanto quando ha terminato il proprio racconto si è resa conto della conseguenze e ha preferito non formalizzare la denuncia. Le dichiarazioni della donna rimangono comunque agli atti perché rese davanti a pubblici ufficiali.” Gregorio De Falco ricorso al Tar

Gregorio De Falco in politica con il Movimento 5 Stelle per le elezioni 2018

Gregorio De Falco, capitano diventato celebre per aver intimato a Francesco Schettino di tornare a bordo sulla Costa Concordia nel 2013, è stato scelto dal Movimento 5 Stelle un mese fa è come candidato al Senato, sia nel collegio uninominale di Livorno, sia come capolista nel collegio plurinominale Toscana 2. “C’è stata una grandissima partecipazione e io sono felicissimo — aveva detto il candidato premier dei Cinque Stelle — Migliaia e migliaia di cittadini che hanno deciso di candidarsi con noi. Nomi noti, uno su tutti quello del comandante De Falco, ma anche personaggi del giornalismo e dell’università. Persone non organiche al movimento ma che hanno sempre simpatizzato per noi e che condividono i nostri valori.”

Elezioni 2018, pubblicate sul web foto private di Giulia Sarti: “Non può essere semplice casualità”

Capodanno Cinese 2018 data e curiosità: tutto quello che devi sapere