in

Elezioni 2018 news, Filippo Caracciolo indagato: guai per l’assessore in quota Pd

L’assessore regionale pugliese all’Ambiente, Filippo Caracciolo, candidato del Pd alla Camera in un collegio uninominale, è indagato per corruzione e turbativa d’asta nell’ambito di una indagine della Procura di Bari su una gara d’appalto per 5,8 milioni di euro per la costruzione di una scuola media a Corato.

Leggi anche: Tutte le news sul mondo della politica 

Filippo Caracciolo indagato: ecco l’accusa

L’indagine, nell’ambito della quale la guardia di finanza ha compiuto perquisizioni nell’ufficio e nell’abitazione di Caracciolo, è un filone dell’inchiesta sull’Arca Puglia che il 5 dicembre scorso ha portato, tra l’altro, all’arresto dell’imprenditore Massimo Manchisi, titolare dell’impresa che sarebbe stata favorita dall’intervento di Caracciolo. Secondo l’ipotesi d’accusa, Caracciolo avrebbe indotto il presidente della commissione aggiudicatrice della gara, Donato Lamacchia, a favorire l’impresa di Manchisi, ottenendo da quest’ultimo la promessa di appoggio per le prossime elezioni.

Filippo Caracciolo indagato: la difesa del Pd

Per i vertici pugliesi del Pd, però, l’indagine su Caracciolo non è un problema. “Noi continuiamo a essere garantisti” e “siamo fiduciosi che la magistratura faccia il suo corso e che possa accertare l’estraneità di Caracciolo”, dice Marco Lacarra, segretario pugliese del Pd a Il Fatto Quotidiano. Rispetto alla opportunità che Caracciolo debba dimettersi dal suo incarico di assessore e dal ruolo di candidato in Parlamento, Lacarra ritiene che debba essere lo stesso Caracciolo a valutare: “Non credo – dice – debba essere coartato in decisioni che competono alla sua persona”.

 

Sanremo 2018 pronostici vincitore: chi trionferà alla 68/a edizione? Ecco i favoriti

Berlusconi elezioni politiche 2018

Elezioni 2018 news, la ‘rivoluzione’ di Berlusconi: “Chi costruisce non aspetti più la licenza”