in

Elezioni 2018 news, Matteo Renzi a Rtl 102.5: “I piani di Berlusconi irrealizzabili, il M5s è come tutti gli altri”

A Rtl 102.5, a tre settimane dal voto per le elezioni politiche 2018, prende parola Matteo Renzi. Il leader dei DEM è stato intervistato da Pierluigi Diaco, Fulvio Giuliani e Giusi Legrenzi, conduttori di Non Stop News, programma di informazione in onda ogni mattina sull’emittete radiofonica. Per Renzi la campagna elettorale è tutto eccetto che stancante: “La campagna elettorale è comunque divertente. Certo faccio un po’ fatica perché spesso non ragioniamo di contenuti. Io ho preso la bici e sto andando in giro nel collegio, Sembro uno stalker, andiamo casa per casa. Stiamo cercando di parlare degli italiani, purtroppo in molti parlano di altro”.

Leggi anche: Cosa succede nel mondo politico italiano in vista delle elezioni politiche 2018?

Matteo Renzi bacchetta chi gli ha voltato le spalle nel mondo del centro-sinistra

Il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha spiegato come vive il trattamento che gli hanno riservato i suoi ex- alleati: “In politica gente che sa dire grazie ce n’è poca. Io sono stupito di chi mi elogiava ben oltre i meriti, quando tutto andava bene, e che oggi mi insulta oltre i demeriti, ma io dico chi se ne frega degli irriconoscenti. Io faccio politica per i cittadini”​.

Leggi anche: Tutto sul caso rimborsopoli del M5S

Matteo Renzi e il caso rimborsopoli del Movimento 5 Stelle

Sul caso rimborsopoli che coinvolge il Movimento 5 Stelle l’ex Premier ha le idee chiare e sbotta a Rtl 102.5: “La vicenda in sé non è importante per i denari che mancano; i 5 stelle ci fanno la morale da 7 anni, ma ci sono truffe evidenti, acclarate. Si sono presentati come diversi dagli altri, ma sono come gli altri. Di Maio farebbe bene a dire i nomi di chi sta truffando. I 5 stelle danno l’idea di considerare gli italiani un popolo di rincoglioniti, come ha detto Di Battista. Ma questa è una stupidaggine”.

Matteo Renzi e la Flat Tax di Silvio Berlusconi

Infine, sulla prosposta della flat tax portata avanti da Salvini e Berlusconi, il segretario DEM spiega a Rtl 102.5: “La flat tax vale tra gli 80 e i 100 miliardi di euro. Nel 2003 il centrodestra ci ha provato ma non ci è riuscito perché non aveva le coperture. Il problema è che questa operazione la pagano i più poveri e il ceto medio. Io sono per abbassare le tasse a tutti, ma partendo da famiglie, Partite Iva e chi non arriva a fine mese. La flat tax al 23% non è realizzabile, è una promessa che svanirà dopo le elezioni. Poi se qualcuno vuole credere alle favole”.

Matteo Renzi bacchettato dalla moglie Agnese: ecco perché

Renzi ha rivelato inoltre di aver ricevuto un sms in diretta dalla moglie Agnese nel quale lo invitava ad essere più concreto in merito alle sue proposte sulla scuola: “Ha ragione. “Il mio vero errore è stato non essere concreto nel comunicare quello che stiamo facendo. La vera misura choc è essere concreti”

Claudio Baglioni e la donazione ai terremotati dopo Sanremo 2018? È una fake news, ecco perché

pamela uccisa e fatta a pezzi

Omicidio Pamela news: il quarto indagato e la pista del rituale tribale