in ,

Elezioni 2018 news, Parlamentarie M5s concluse: “Caos invenzione dei media, risultati domenica”

Elezioni 2018 news, le parlamentarie del M5S si sono concluse nella giornata di ieri. Ad annunciarlo è il blog di Beppe Grillo che sottolinea: “Il caos di cui blaterano i giornali invece non c’è stato. La proroga non è stata necessaria. La nostra è stata una prova di democrazia diretta online che non ha eguali per dimensione e importanza in tutto il mondo”.

Leggi anche: Le ultime notizie per il programma elettorale M5S

Parlamentarie M5s risultati voto: esiti domenica

Il M5S annuncia sul blog che: “I risultati delle votazioni sono stati affidati a due notai che li custodiranno fino a domenica. Le liste definitive saranno annunciate questa domenica a Pescara”. Possibilità di ricorsi? Non secondo il Movimento 5 Stelle che evidenzia: “Non c’è nessun timore di ricorsi da parte degli esclusi. Le regole che hanno accettato tutti coloro che hanno proposto la candidatura erano molto chiare e rigide. Sono state applicate in maniera severa. Alcuni si sono lamentati dell’esclusione dalle liste, è vero. È stato fatto per tutelare al massimo il M5S.” 

Parlamentarie M5s: “Codice Etico non prevede scontro sociale”

Inoltre, nel lungo comunicato per annunciare la fine delle Parlamentarie del M5S, si evidenzia come: “Anche il turpiloquio nei confronti degli avversari politici a mezzo social è stato considerato ostativo. Era richiesto ai sensi dello Statuto e del Codice Etico di astenersi da comportamenti che possano pregiudicare l’immagine o l’azione politica del M5S”.

Caos Parlamentarie M5s, i candidati annunciano piogge di ricorsi

Nella giornata conclusiva delle Parlamentarie M5s ci sono state deroghe alle regole, audio «pirata» diffusi sul web, candidati esclusi dalle liste sul piede di guerra, ex attivisti in lista a loro insaputa. Sono partite, infatti, le prime contestazioni legali. I vertici, però, confermano la validità della votazione e tirano dritto. «Invece di criticare noi, e di fare le notizie in maniera negativa, questa dovrebbe essere una buona notizia: agli italiani non daremo delle liste bloccate ma delle liste partecipate con persone che si sono messe in gioco», si difende Luigi Di Maio, candidato premier del Movimento.

Don Matteo 11 facebook

Programmi tv 18 gennaio 2018: Don Matteo 11, Le spose di Costantino, Cado dalle nubi e Forsaken- Il grido della giustizia

Elezioni 2018 voto studenti fuori sede: gli universitari “devono” tornare a casa? Ecco come funziona