in

Elezioni 2018, portare il cellulare in cabina elettorale: quale sanzione si rischia?

L’elettore è chiamato alle urne il prossimo 4 marzo 2018 e dovrà dare il suo voto con l’unica scheda sia per la parte uninominale (candidato unico della coalizione, indicato con nome e cognome sopra i simboli che lo sostengono) che per la proporzionale, dove i partiti corrono per se e sulla quale si applicano le soglie di sbarramento, come abbiamo spiegato in questo articolo. Inoltre, per poter esercitare il proprio diritto di voto, l’elettore dovrà essere munito di documento di identità e, in secondo luogo, di tessera elettorale. Ma per le elezioni 2018 si potrà portare il cellulare in cabina elettorale? Ecco cosa è previsto dalla legge.

Leggi anche: Come rinnovare la tessera elettorale

Elezioni 2018, portare il cellulare in cabina elettorale: cosa si rischia?

Fino a mille euro di multa per chi porta il cellulare in cabina elettorale. Lo chiarisce il Ministero dell’Interno in vista del voto previsto per domenica 4 marzo, dalle 7 alle 23, quando oltre 50 milioni di cittadini italiani saranno chiamati alle urne per rinnovare Camera e Senato. “Al fine di assicurare la libertà e segretezza della espressione del voto – spiega il Viminale – la legge fa divieto di introdurre all’interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini”. Il 4 marzo gli elettori, quindi, dovranno consegnare il proprio telefono ai componenti del seggio prima di entrare nella cabina elettorale. Al contrario, “chiunque contravviene a questo divieto – prosegue il Viminale – è punito con l’arresto da tre a sei mesi e con l’ammenda da 300 a 1.000 euro”.

Posso fotografare la mia scheda elettorale?

Tutti questi provvedimenti sono da adottare nel caso in cui l’elettore venga colto nell’atto di fotografare o registrare immagini della espressione del proprio voto, concernenti l’annullamento della scheda e l’esclusione dal voto, sono stabiliti nel capitolo 17 al paragrafo 4. Laddove poi l’elettore venga colto in flagrante, e quindi “nell’atto di fotografare o registrare immagini della espressione del proprio voto”, le conseguenze saranno immediate. Scheda di voto annullata, votata o meno, e allontanamento dell’elettore che non potrà essere riammesso a votare.

Marco Boni scomparso a Riva del Garda news: diffusa nuova foto che lo ritrae poco prima di sparire

Elezioni 2018, Lapo Elkann scende in campo: “Mi offro di aiutare l’Italia, le mie competenze a costo zero”