in

Elezioni 2018, il programma elettorale del Partito Democratico

Qual è il programma elettorale del Partito Democratico in vista delle elezioni 2018 del prossimo 4 marzo? Su cosa punta il gruppo politico guidato dal segretario Matteo Renzi per ottenere la maggioranza? Quali sono gli obiettivi da raggiungere che distingue i DEM dai rispettivi concorrenti politici? Analizziamo, qui di seguito, il programma elettorale presentato da Matteo Renzi per le elezioni 2018.

Leggi anche: Come votare il 4 marzo 2018

Le politiche sociali del Partito Democratico

Quali sono gli obiettivi del Partito Democratico per le Politiche Sociali? Il partito guidato da Matteo Renzi punta a raddoppiare i fondi per il Reddito di Inclusione. E ancora, per quanto concerne il miglioramento delle Periferie cittadine con un raddoppiamento dello stanziamento dei fondi. Il Pd punta a una parità di genere per quanto concerne i salari da lavoro. Con il Partito Democratico al governo ci sarà un assegno mensile da 80 euro per ciascun figlio finché raggiungerà alla maggiore età. Sempre per la fascia giovanile sarà possibile avere una “carta universale dei servizi dell’infanzia” con 400 euro destinati alle famiglie per asilo, servizio di cura e babysitter. L’obiettivo del Pd, inoltre, è quello di combattere le Fake News con un programma ben preciso. Investimenti del Partito Democratico del 2% in cultura e 6 mesi di treno gratis per chi dovesse perdere il posto di lavoro. La politica sociale in ambito “immigrazione” si soffermerà sul rinforzamento dello Ius Soli e un radicale cambio del Trattato di Dublino. Inoltre, Matteo Renzi punterà a investire in Africa con la “Migration Compact” e una sensibilizzazione per quanto concerne la solidarietà tra le forze europee.

Le politiche economiche del Partito Democratico

Quali saranno le politiche economiche del Partito Democratico in vista delle Elezioni 2018? Matteo Renzi e i “suoi” promettono di introdurre gli 80 euro per Partita Iva fino a un tetto massimo di reddito pari a 26mila euro lordi. Inoltre, ci saranno IRES e IRI al 22% e l’introduzione della Web Tax. Si porterà – secondo promesse elettorali del programma elettorale del Partito Democratico – la disoccupazione al 9% e al 20% quella giovanile. Inoltre, con Renzi e una maggioranza in quota DEM ci sarà l’introduzione del “salario minimo garantito” e la riduzione del costo di lavoro dal 33 al 29%. Saranno rafforzati, nell’ambito di politiche economiche, il sistema alternativo e il finanziamento bancario. Ci sarà l’aumento di deduzioni IMU e la facoltà di detrazioni per contratti di lavoro a tempo indeterminato.

Il Partito Democratico in ambito “Istituzioni e Amministrazione”

Quali sono gli obiettivi del Partito Democratico per migliorare le istituzioni e il comparto della Pubblica Amministrazione? La costruzione di nuove carceri e la ristrutturazione di quelle già preesistenti. Al fine di ridurre le emissioni e l’inquinamento delle plastiche, inoltre, il Partito Democratico attuerà una strategia energetica nazionale. Maggiore trasparenza grazie a una legge sui partiti che migliorerà anche la democrazia interna e saranno rese le auto blu elettriche. Obiettivo semplificazione fisco e digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

Le politiche estere del Partito Democratico

Con il Partito Democratico al Governo sarà introdotto il servizio Civile Europeo così da poter tornare a rispettare il parametro di Maastricht seguendo la regola del 3%. Con i DEM, inoltre, saranno introdotte 50mila nuove videocamere per sorveglianza urbana e la riforma dell’Unione Europa con l’elezione diretta del Presidente della Commissione Eurobond, seggi transnazionali, ministro delle finanze europeo. Si punterà alla realizzazione degli Stati Uniti d’Europa con l’investimento del 2%  del Pil in sicurezza.

Tomorrowland a Monza 2018: data, prezzo biglietti e informazioni utili, tutte le curiosità

Ragazza aggredita a Montelupo Fiorentino: arrestato un ragazzo (FOTO)