in ,

Elezioni 2018, Renzi contro il M5S: “Dobbiamo sconfiggere l’incompetenza, vero avversario del Pd”

Continua la campagna elettorale in vista delle elezioni politiche 2018. Matteo Renzi è intervenuto in data odierna al Lingotto di Torino per la seconda giornata di lavori dell’assemblea nazionale degli amministratori locali Pd, “Energia locale per amministrare il futuro”. Nel pomeriggio chiuderà i lavori il ministro e vicesegretario Dem Maurizio Martina. Intanto, Renzi attacca il Movimento 5 Stelle e il centrodestra.

Leggi anche: Tutte le news sulle elezioni politiche 2018 

Elezioni 2018, Renzi contro il M5S: “Il vero avversario del Pd è incompetenza”

Matteo Renzi al Lingotto di Torino ha attaccato chiaramente il Movimento 5 Stelle: “Non puoi gridare onestà e alla prova dei fatti dimostrarsi incapace di risolvere i problemi – ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi nel suo intervento all’assemblea citando gli esempi di quanto fatto da M5s a Roma e Torino -. Benedetto Croce diceva che governo onesto è quello capace. E allora l’incompetenza è il nostro avversario alle elezioni politiche 2018. Ci sono 50 giorni per andare a vincere e voglio che il Pd si metta in campo senza paura”.

Elezioni 2018, Renzi attacca il Movimento 5 Stelle: “Non puoi parlare di buon governo e proporre solo tagli”

Infuocata la campagna elettorale per le politiche 2018 con Matteo Renzi che prosegue nella sfida verbale contro il Movimento 5 Stelle: “Per mesi e mesi si è parlato del buon governo dei Cinque stelle” – ha proseguito il leader dei DEM – ma per prima cosa hanno tagliato sulla cultura. Noi non vogliamo fare polemica ma mostrare una diversità. Noi siamo gli amministratori che non falsificano i bilanci, non mettono cinque milioni in più a penna. E nella nostra città i revisori dei conti non si dimettono. Non possiamo stare sempre sulla difensiva facendo raccontare che sprechiamo i soldi pubblici, perché non è così. Se con me si fossero dimessi i revisori dei conti, ci avrebbero portato via”.

Elezioni 2018, Renzi attacca il centrodestra: “Uniti sì, ma per lo spread”

“Il centrodestra si presenta come un’alleanza solida ma è l’alleanza dello spread. Sono stati loro il governo dello spread, noi siamo dovuti intervenire per far ripartire il Paese”. E ancora, spiega Renzi al Lingotto di Torino: “Se guardate i giornali gli editorialisti hanno già votato e i titolisti già deciso. Hanno letto i sondaggi e detto che ha vinto il centrodestra: si sono dimenticati di leggere la legge elettorale che per due terzi premia non le coalizioni ma il primo partito. La sfida per il primo posto alle elezioni non è tra Berlusconi e Salvini ma tra Pd e M5s. Lo dico ai moderati: l’alternativa al Pd non è il centrodestra ma il M5s”.

Concorso Marescialli Carabinieri 2018 – 2021 bando: requisiti, prove da sostenere e cosa studiare (GUIDA)

Inchiesta vendita Milan, la Procura: “Nessuna indagine”, Ghedini (avvocato Berlusconi): “Soliti giochetti” [FOTO]