in

Elezioni 2018 risultati, Salvini al Corriere della Sera: “Nessun accordo con il M5S, linee programmatiche per rilanciare l’Italia”

Matteo Salvini, leader della Lega e primo partito della Coalizione di centrodestra dopo i risultati delle Elezioni 2018, commenta al Corriere della Sera l’attuale situazione politica italiana. E lo fa riconoscendo il suo ruolo istituzionale poiché adesso dovrà ascoltare tutti in qualità di leader della maggioranza: “In questa fase ho il dovere di ascoltare tuttispiega Matteo Salvinianche il Pd, anche la Boldrini, se serve all’Italia.” Per Matteo Salvini quello appena conseguito è un risultato: “Straordinario. Sapevo che saremmo andati bene, me lo sentivo, ma neanch’io speravo in una fiducia così enorme. Sondaggisti, opinionisti, intellettuali non avevano capito niente, in Veneto come nel resto d’Italia. Giornali e telegiornali ci hanno oscurato, esistevano solo Renzi e Berlusconi, Di Maio e la Bonino… Io mi sono fatto ventimila chilometri in campagna elettorale e questo, gliel’assicuro, aiuta a capire il Paese.”

Leggi anche: La lettera di Di Maio alla Repubblica

Elezioni 2018 risultati, Salvini: “Ho eliminato Renzi, era il mio avversario”

Matteo Salvini al Corriere della Sera esulta: “Il mio avversario non è all’interno ma all’esterno, è Renzi e, in questo senso, “missione compiuta”. Poi una volta possiamo far meglio noi, una volta Forza Italia. Alla fine si governa insieme, siamo una squadra.” E sulla possibilità di un’alleanza con il Movimento 5 Stelle, il leader del Carroccio non lascia spazio a interpretazioni: “Quella dell’alleanza Lega-M5S è una fake news, un’invenzione surreale come la caccia al Salvini razzista, fascista e nazista che spaventa i bambini. No. Io rispetto il voto ai Cinque Stelle perché l’elettore ha sempre ragione. Però è un voto di assistenza, pauperista. Il voto alla Lega, invece, è il voto della gente che lavora. Ovviamente in Veneto e in Lombardia ma anche al Sud, le persone che ci hanno votato sono quelle che in campagna elettorale mi hanno detto: io non voglio stare a casa a non fare niente, voglio studiare, lavorare, produrre. Io e Di Maio abbiamo due idee di Italia diverse: per lui è l’assistenzialismo del reddito di cittadinanza; per me è il rilancio e lo sviluppo della flat-tax”

Leggi anche: Chi è Toni Iwobi, il primo Senatore di colore

Lega al Governo con un’alleanza con il PD? Salvini ride

E sempre al Corriere della Sera, Matteo Salvini chiude le porte anche a una possibile alleanza con il Partito Democratico: “Ho letto anche questa, i giornalisti sono sempre fantasiosi. Di un accordo di governo, di partito, non se ne parla proprio, neanche col Pd. Poi chiaro, io ho un mio programma, sono a capo del partito che guida la coalizione più votata dal Paese, ho l’aspirazione di diventare presidente del Consiglio… ho il dovere di ascoltare tutti, scherziamo? Abolizione della legge Fornero, tassa unica al 15%, legittima difesa, stop all’immigrazione: chi ci sta, ci sta.”

Chi è Toni Iwobi, il primo senatore di colore italiano eletto con la Lega e ‘bacchettato’ da Balotelli

chi è carlo calenda

Chi è Carlo Calenda, il Ministro che punta al Pd dopo i Governi Letta, Renzi e il ruolo in Europa