di Antonio Paviglianiti in , ,

Elezioni 2018, Silvio Berlusconi non ha dubbi: “Vinceremo, Maroni non avrà ruoli nel Governo, ecco cosa rispondo a Renzi” (FOTO)


 

Elezioni 2018, Berlusconi non ha dubbi e prevede una vittoria il 4 marzo: “Otterremo più del 45%, ecco cosa rispondo a Renzi e il Movimento 5 Stelle.” Poi bacchetta Maroni…

ultimi sondaggi elettorali silvio berlusconi

Elezioni 2018, Silvio Berlusconi non ha dubbi: a vincere sarà il centrodestra. Il Cavaliere, ospite della trasmissione Circo Massimo di Radio Capital, ne ha per tutti: attacca Renzi  e il Movimento 5 Stelle, bacchetta Roberto Maroni – governatore della Lombardia che ha deciso di non ricandidarsi – e spera di poter portare al Ministero dell’Economia Mario Draghi…

Leggi anche: Gli ultimi sondaggi elettorali per le elezioni politiche 2018

Elezioni 2018, Silvio Berlusconi attacca Matteo Renzi

Berlusconi replica a Matteo Renzi, che ieri ha definito un ritorno del leader di Forza Italia al governo “una minaccia per l’economia”: “È una stupidaggine colossale. Questa affermazione non merita nemmeno una risposta”. Nega di aver mai definito “suo erede” il segretario del Pd e sull’abolizione Canone Rai, il Cavaliere ribatte: “Renzi fa una proposta incomprensibile – commenta ancora l’ex premier – abolire il canone Rai e trasferirne il costo sulla fiscalità generale. Cioè continuerebbero a pagarlo gli italiani”. E aggiunge: “La verità è che non abbiamo una vera televisione pubblica, la Rai prende canone e pubblicità e fa una tv commerciale”.

Elezioni 2018, larghe intese con PD? La risposta di Berlusconi

Berlusconi esclude la possibilità di un governo con il Pd: “Non c’è mai stata e non ci sarà neanche in futuro”. Tuttavia tiene in considerazione l’ipotesi che vada avanti Gentiloni: “Fino a quando non ci sarà una maggioranza in grado di esprimere un nuovo governo andrà avanti l’esecutivo attuale. Ma il problema non si porrà, perché il centrodestra vincerà alle prossime elezioni”. E attacca il Movimento 5 Stelle definendoli: “Un pericolo più grave dei comunisti nel ’94. Non hanno alcuna esperienza, alcuna competenza. La gran parte di loro non sa che cosa significa lavorare, tantomeno governare. Non hanno mai amministrato neppure un condominio, e i risultati si vedono, quando – come avviene a Roma – hanno delle responsabilità di gestione. Il collasso vero e proprio della nostra Capitale è l’emblema di quello che succederebbe se governassero in Italia”.

Leggi anche: Come funziona la Par Condicio

Elezioni 2018, Berlusconi “attacca” Maroni

Il Cavaliere rifiuta anche la possibilità di una corsa per Palazzo Chigi di Roberto Maroni, governatore uscente della Lombardia che ha deciso di ritirarsi: “Lo escludo nella maniera più assoluta: se ha questi motivi personali, queste ragioni familiari che lo hanno spinto a scegliere di non candidarsi nella sua regione è assolutamente impensabile che si possano ipotizzare per lui dei ruoli politici e tantomeno nel governo futuro”. 

Elezioni 2018, Berlusconi spera in Draghi per l’economia

Su una possibile candidatura di Mario Draghi a ministro dell’Economia, il leader di Forza Italia aggiunge: “Magari, magari, a chi non piacerebbe averlo alla guida dell’Economia, ma io non l’ho candidato e non voglio che su questa cosa vengano fatte delle strumentalizzazioni. Ho fatto il nome di Draghi per indicare il profilo di un futuro, possibile, ministro del governo di centrodestra. Non mi risulta purtroppo che il presidente della Bce sia interessato ad avere un ruolo di governo”.

Elezioni 2018, Berlusconi e le posizioni sulla Legge Fornero

Sulla legge Fornero, che Salvini vorrebbe eliminare, Berlusconi afferma: “Interverremo là dove ci sembra giusto intervenire per superare gli aspetti più ingiusti, dopo una attenta analisi con gli alleati”. E rilancia la proposta della flat tax: “È una tassa semplice per la sua aliquota giusta, che non rende più conveniente eludere le tasse”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook