in

Elezioni 2018, stop ai sondaggi elettorali: al via il silenzio elettorale in una situazione di assoluta incertezza

Da oggi a mezzanotte non è più possibile rendere noti i risultati dei sondaggi elettorali successivi alla data del 16 febbraio 2018. La Par Condicio, legge 28/2000 che regolamenta la comunicazione politica, parla chiaramente e vieta la diffusione di dati nei quindici giorni antecedenti le elezioni politiche. Nel caso specifico non si potranno rendere noti gli indici di gradimento fino al 4 marzo 2018, data in cui gli italiani saranno chiamati al voto. Ma lo stop ai sondaggi elettorali ci consente di porre in essere alcune riflessioni. Ad esempio, qual è l’attuale situazione politica italiana? Secondo quanto emerso dagli studi statistici, ci sarà davvero una maggioranza dopo il 4 marzo 2018? Ecco cosa c’è da sapere.

Elezioni 2018, stop ai sondaggi elettorali in una situazione di assoluta empasse

Ecco gli ultimi sondaggi elettorali da consultare:

In percentuale: il centrodestra è al 34,7%, il Movimento Cinque Stelle al 29,4%, il centrosinistra al 27,4% e Liberi e Uguali al 5,3%. Il sondaggio si concentra anche sulle ipotesi che ha il centrodestra di raggiungere in solitaria la maggioranza dei seggi. E qui il Sud è decisivo. Nel caso di un risultato vicino al 35%, la coalizione guidata da Berlusconi, Meloni e Salvini dovrebbe ottenere al Sud 83 collegi. Con risultato prossimo al 40%, i collegi da vincere al Sud diventano 62 mentre con percentuali al 45% il numero scende a 42.

Elezioni 2018, Gentiloni è il leader più gradito: parlano i numeri

La partita dei leader è senza storia. Demos e Ipsos assegnano le stesse prime quattro posizioni. Gentiloni su tutti. Gradito dal 47% dei cittadini sia secondo Demos che secondo Ipsos. Al secondo posto Emma Bonino (42% – 36%), al terzo Luigi Di Maio (38% – 35%), al quarto Matteo Salvini (34% – 29%). Per i partiti: c’è un lento calo del Pd a fronte di una sostanziale tenuta del Movimento Cinque Stelle. In questo senso sono da segnalare le forbici indicate da Euromedia Research in un sondaggio commissionato da Porta a Porta. Dove i tre valori sono relativi al minimo, al valore centrale e al massimo:

  • Forza Italia: 15,6 – 17,3 – 19,0
  • Lega: 12,7 – 14,2 – 15,7
  • Fratelli d’Italia: 3,9 – 4,8 – 5,7
  • Noi con l’Italia: 1,6 – 2,3 – 3,0
  • Tutta l’area di centrodestra: 36,5 – 38,6 – 40,7

 

  • Partito Democratico: 20,3 – 22,1 – 23,9
  • Civica Popolare: 0,2 – 0,5 – 0,8
  • +Europa: 1,6 – 2,3 – 3,0
  • Insieme: 0,4 – 0,8 – 1,2
  • Minoranze linguistiche: 0,1 – 0,4 – 0,7
  • Tutta l’area di centrosinistra: 24,2 – 26,1 – 28,0

 

  • Movimento 5 stelle: 24,9 – 26,8 – 28,7

 

  • Liberi e Uguali: 4,8 – 5,8 – 6,8

 

  • CasaPound Italia: 0,3 – 0,6 – 0,9

Infine una domanda rivolta da Emg agli elettori di sinistra sulle scelte post voto di Liberi e Uguali. Per il 21% il partito di Grasso dovrebbe cercare un’alleanza con il Pd. Per il 25,2% l’alleanza andrebbe ricercata con il Movimento 5 Stelle. Il 22,8% sostiene che è meglio non allearsi con nessuno.

Matteo Renzi crisi pd

Elezioni 2018, niente dibattito TV e Renzi attacca gli avversari: “Così fate politica?”

Tre italiani scomparsi in Messico: nessuna notizia dal 31 gennaio, si teme il rapimento