in

Emma Marrone malattia, il dramma di ‘Real Brown’: “Quella diagnosi è stata terribile, adesso…”

Emma Marrone si racconta come poche volte ha fatto in vita sua. Dopo essere stata schietta durante l’ultimo appuntamento con Amici 2018 dove ha dichiarato come il suo ultimo lavoro discografico, Essere Qui, abbia reso al di sotto delle aspettative per quanto concerne le vendite, la cantante ex Amici ha deciso di raccontarsi senza filtri ai microfoni de Il Messaggero. Una lunga intervista concessa dove, Real Brown, si è soffermata sulla sua situazione sentimentale, la voglia di maternità e la sua più grande paura. Quale? La malattia: “Sono ipocondriaca – rivela Emma Marrone –  dal 2009 mi sono sottoposta a due interventi per un tumore all’utero. Da allora faccio sempre analisi. E poi spesso ho paura di non essere all’altezza e sbagliare sempre qualcosa.”

Leggi anche: Tutte le news con UrbanPost

Emma Marrone malattia: il tumore e la terribile diagnosi

Emma Marrone ha raccontato il momento della diagnosi della sua malattia: ”Il ginecologo mi ha detto: tumore, operare con la massima urgenza. La neoplasia mi aveva preso utero e ovaie. Avevo fatto la Tac e la risonanza magnetica. Anche la ricerca dei marker nel sangue confermava la presenza di cellule tumorali. A quel punto non potevo più sfuggire. Il dolore che provavo non era legato alla notizia tragica. Per me non era il cancro il problema. Il mio dolore era dover rinunciare al sogno della musica, ai sacrifici fatti…”.Amici 16 anticipazioni registrazione

Emma Marrone malattia, il dramma e l’ansia

Emma Marrone spiega come adesso, da ormai sette anni, lei viva in perenne angoscia. “Vivo sempre sotto controllo: per me gli esami non finiscono mai. Il pensiero della malattia non mi abbandona, fa parte di me. Mi mette ansia, ma mi dà la spinta necessaria per vivere tutto fino in fondo. Non è una cosa nera. Ma una presenza che mi continua a invitare a dare il giusto peso alle cose: a volte ce la faccio, altre no! E allora purtroppo continuo a prendermela per cose troppo stupide. Non lo cerco l’amore, non lo aspetto. Ma mi piace immaginare che, un giorno, smetterò di sperare di tornare a casa e trovare una persona con cui condividere una mia gioia o un mio dolore. E proprio quel giorno, uscirò e inciamperò sulla persona giusta”.

Written by Andrea Paolo

46 anni, nato in provincia di Reggio Calabria, emigrato negli anni '80 al nord, è laureato in scienze politiche. Ha lavorato come ricercatore all'estero e studia da anni la criminalità organizzata. Per UrbanPost si occupa di news di cronaca e di gossip sui personaggi del mondo dello spettacolo.

Manovra novità 2018: Governo pronto a tagliare le spese fiscali, ecco come

bollette gas

Tasse in Italia 2018, italiani stangati per Confcommercio: “7200 euro tra bollette e casa”