in ,

Fabrizio Frizzi, Pupo attacca i dirigenti Rai: “Quanta ipocrisia, grazie Carlo Conti”

La morte di Fabrizio Frizzi lascia un vuoto incolmabile. E Pupo, suo grande amico, lo omaggia con un lungo post su Facebook. Ma attenzione, i toni sono molto duri non nei confronti del compianto artista ma verso chi, Frizzi, lo aveva messo alla porta. Lo fa da amico vero del conduttore e punta il dito contro chi in questi anni aveva criticato il conduttore di viale Mazzini. Parole dure quelle di Pupo che fanno riflettere. Il suo è un vero e proprio sfogo che ha fatto il giro del web: “Soltanto due anni fa, eravamo insieme qua, alle cascate del Niagara – scrive sulle sue pagine ufficiali Twitter e Facebook -. Abbiamo condiviso momenti professionali meravigliosi ed altri, privati, in cui mi raccontavi le tue sofferenze e le angosce che gli ipocriti che oggi ti rimpiangono, ti avevano causato. Non ho parole fratello”.

Leggi anche: Tutto su Fabrizio Frizzi, l’uomo che lascia un vuoto assordante

Morte Frizzi, Pupo attacca i dirigenti Rai

Fabrizio Frizzi e Pupo erano molto legati e anche sul piano professionale avevano condiviso diverse avventure. Spesso sono stati insieme in conduzione nel raccontare le “Partite del cuore”. “In linea con la mia idea filosofica della vita e anche della morte, non sono per niente sconvolto. La morte non mi sconvolge, neanche se fosse quella di un mio parente: è una cosa normale, fa parte della vita. Chiaramente mi fa soffrire e il grado di sofferenza dipende dall’affetto che c’era tra le persone: io a Fabrizio volevo molto bene”, racconta Pupo a Il Fatto Quotidiano. E sempre al quotidiano online, Ghinazzi tuona: “Non tollero l’ipocrisia. Soprattutto quella di molti dirigenti della Rai che umanamente non valgono molto. Prima lo hanno massacrato e adesso lo esaltano. Se Fabrizio Frizzi negli ultimi tempi era tornato in auge, non era stato grazie alla Rai, ma grazie alla generosità di Carlo Conti che lo aveva imposto a L’Eredità.”

Pupo esalta Frizzi: “Molti invidieranno l’attenzione per lui”

Pupo continua a parlare dell’amico prematuramente scomparso, Fabrizio Frizzi: “Era una persona perbene, leale, generosa. Si parla di bontà, ma non so cosa voglia dire. Noi che facciamo questo mestiere siamo talmente egocentrici e cinici che ci meravigliamo delle persone corrette. Tanti di quelli che domani andranno al funerale, o che oggi si espongono per lui, probabilmente invidieranno l’attenzione e il bene nei suoi confronti. C’è un ipocrisia in questo mondo che neanche ci immaginiamo”.

Spesometro 2018 data scadenza aprile: come chiedere l’esonero? La guida completa

video martina rossi 2 ragazzi a ccusati

Morte Martina Rossi processo news: non ammessa testimonianza Carlo Verdone