di Sabina Schiavon in

Facebook ci rende meno in salute e più insoddisfatti: un nuovo studio punta il dito contro il social network


 

Facebook, il suo utilizzo provoca malessere fisico e mentale: i dati emersi da una nuova ricerca americana puntano il dito contro il social network “in blu”

facebook salute

L’idea che Facebook, se non utilizzato con senno, potesse fare male non è di certo nuova. Un nuovo studio americano, però, punta pesantemente il dito contro il social network di Mark Zuckerberg: secondo i ricercatori, infatti, il suo utilizza provoca scontentezza, insoddisfazione e va addirittura a minare la nostra salute fisica. Ma quali sono gli studi che hanno portato a tale affermazione?

==> DEEP WEB: COSA SI NASCONDE NEL LATO PIÙ’ NASCOSTO DELLA RETE?

“Le interazioni faccia a faccia migliorano il benessere. Con l’ubiquità dei social media sono emerse importanti questioni sull’impatto delle relazioni. Abbiamo esaminato le associazioni che ci sono tra l’attività su Facebook e lo stato di salute fisica, mentale e la soddisfazione di vita. I risultati hanno dimostrato che in generale, l’utilizzo della piattaforma non è associato al benessere” hanno spiegato i ricercatori dell’Università di Yale e della California a proposito dello studio pubblicato sull’American Journal of Epidemiology e mostrato al grande pubblico dal Wall Street Journal. La ricerca è durata 24 mesi ed ha coinvolto ben oltre 5mila persone: durante i due anni di studio, gli scienziati hanno monitorato la vita social di 5208 persone adulte accedendo direttamente alle loro attività su Facebook.

Per quanto curioso, i dati emersi non possono far rimanere indifferenti: sembra infatti che la pubblicazione di un post provochi un’altissima aspettativa negli utenti di Facebook. Qualora questa venisse disattesa, però, negli utilizzatori del social network in blu si verifica un peggioramento – tra il 5% e l’8% – della condizione fisica e mentale. “Questi risultati possono essere rilevanti anche per altri tipi di social network. La cosa complicata dei social media è che, mentre li usiamo, abbiamo l’impressione che ci stiamo impegnando in un’interazione sociale significativa. I nostri risultati suggeriscono invece che la natura e la qualità di questo tipo di connessione non sostituiscono l’interazione del mondo reale di cui abbiamo bisogno per una vita sana” hanno commentato Holly B. Shakya e Nicholas A. Christakis, autori dello studio. Questa ricerca è resa ancora più rilevante alla luce dei dati emersi da una ricerca condotta da “Kaspersky Lab: lo studio, infatti, ha svelato come il 93% degli utenti dei social network condivida informazioni del tutto personali e private, senza mettere in conto i rischi in cui è possibile incorrere. Oltre a danneggiare la nostra salute fisica e mentale – almeno stando a quanto affermato dalla ricerca sopra citata – un utilizzo scorretto di Facebook e degli altri social network potrebbe infatti anche farci incappare in furti d’identità o frodi economiche.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...