di Saverio Bucciantini

Facebook Apre la Propria Pubblicità ai Siti Esterni


 

Rivoluzione in casa Facebook. Il colosso di Mark Zuckerberg rende nota un’importante novità, l’introduzione del programma che consentirà ai publisher di siti web esterni di guadagnare tramite le pubblicità di Facebook. In altre parole, Facebook starebbe varando l’alternativa a Google Adsense.

Privacy Facebook Novità 2013

Il maggiore obiettivo della società in questo momento è  la generazione di reddito sufficiente a rendere Wall Street e gli altri investitori soddisfatti dell’investimento fatto. Facebook aprirà quindi il proprio business ai siti web esterni alla piattaforma. Instagram, società acquistata da Mark Zuckerberg all’inizio del 2012 per 735 milioni di $, potrebbe essere la prima piattaforma ad ospitare gli annunci esterni di Facebook. Non è ancora chiaro su come si vogliano muovere a Palo Alto e quali meccanismi di revenue potranno offrire ai webmaster.

fan su facebookNel comunicato, Facebook parla di pubblicizzare all’esterno utilizzando i dati che possiede nel suo database interno.  Questo passaggio ha lasciato molti dubbi agli addetti ai lavori. Sicuramente il tipo di dati che Facebook detiene, sul comportamento degli utenti, è uno dei più grandi tesori di advertising e targeting che esistano on-line. L’accesso alle informazioni sulle abitudini di navigazione e gli interessi di un miliardo di persone non è qualcosa che arriva ogni giorno.

Google ha costruito un business multimiliardario grazie ad Adsense, mostrando annunci pertinenti alle persone che visualizzano un determinato sito web. Fino ad ora nessuno è stato in grado di eguagliare l’efficacia di questo approccio. Se Facebook riuscirà ad essere in grado di indirizzare gli annunci su siti web esterni in base ai dati di cui dispone, probabilmente diverrà il principale antagonista di Google Adsense, e l’egemonia di Google nel campo della display advertising potrebbe presto avere vita breve.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Correlati

Commenta via Facebook