di Antonio Paviglianiti in

Fausto Brizzi accusato di molestie: “Falso, sospendo le mie attività lavorative”


 

Fausto Brizzi accusato di molestie. Il regista di Notte prima degli Esami si difende così: “Falso, smetto di lavorare”

Fausto Brizzi accusato di molestie

Anche il nome del regista Fausto Brizzi finisce nel vortice del caso “Molestie” del mondo del cinema. Sarebbe sua l’identità del misterioso uomo uscito fuori dalla trasmissione Le Iene in occasione di un servizio sulla denuncia da parte di un’attrice. Ma Fausto Brizzi, regista di film come Notte Prima degli Esami e Maschi contro Femmine, non ci sta e si difende attraverso una nota pubblicata oggi, sabato mattina 11 novembre 2017.

>>> TUTTE LE NEWS CON URBANPOST <<< 

Fausto Brizzi accusato di molestie: “Falso, sospendo il mio lavoro”

In una nota, il regista Fausto Brizzi dichiara: “Ho appreso con grande sconcerto dagli articoli apparsi sulle pagine di alcuni quotidiani dell’esistenza di ipotetiche segnalazioni di molestie fatte da persone di cui non viene precisata l’identità. Posso solo affermare, con serenità e sin da ora, che mai e poi mai nella mia vita ho avuto rapporti non consenzienti o condivisi.”

E poi ha aggiunto: “In via precauzionale, e per evitare strumentalizzazioni, ho sospeso tutte le mie attività lavorative ed imprenditoriali. Chiedo a tutti il massimo rispetto della privacy della mia famiglia e, in particolare, di mia moglie.”

Hollywood e il caso molestie: cosa sta succedendo?

Lo scandalo delle molestie sessuali è esploso negli Stati Uniti con le accuse di stupro contro il boss della Miramax, Harvey Weinstein, ed è dilagato ormai in tutto il mondo fino a coinvolgere non solo il cinema, ma anche istituzioni come l’Unione europea e il Parlamento inglese. Dopo le confessioni pubbliche di attrici del calibro di Angelina Jolie, Gwyneth Paltrow, Ashley Judd e decine di altre star di Hollywood, anche Asia Argento aveva raccontato di essere tra le vittime di Wenstein.

Il servizio delle Iene in Italia

E questo aveva dato lo spunto alle Iene per indagare nel mondo del cinema italiano. E di fronte alle telecamere alcune attrici come Tea Falco, Giovanna Rei, Giorgia Ferrero hanno accettato di confermare «molestie e violenze». Da quel momento si sono rincorse voci su altre loro colleghe, compresi nomi più famosi, che avrebbero subito «aggressioni sessuali per lavorare». Alcune di loro avrebbero raccontato di essere rimaste vittime proprio di Brizzi, ipotizzando la possibilità di rivolgersi alla magistratura per ottenere giustizia.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanSpettacolo

Leggi anche

Commenta via Facebook