in

Femminicidio a Terzigno, Pasquale Vitiello si è tolto la vita dopo aver ucciso Imma Villani

Tragedia nella tragedia a Terzigno, provincia di Napoli, dove ieri si è consumato l’ennesimo femminicidio. Pasquale Vitiello si è ucciso con la stessa arma con cui ha ammazzato ieri mattina davanti scuola la moglie Imma Villani, dalla quale si stava separando. Il cadavere è stato ritrovato stamattina durante le ricerche dei carabinieri nella zona di Terzigno (Napoli). Era in via Vicinale Mauro Vecchio, in un rudere circondato dalla vegetazione. Secondo il medico legale, Vitiello si sarebbe ucciso ieri mattina subito dopo aver ammazzato la moglie.

Leggi anche: Tutte le news con UrbanPost

Femmincidio a Terzigno: la ricostruzione

Immacolata Villani, 31 anni, è stata uccisa dal marito ieri mentre accompagnava la figlia di 8 anni a scuola. Quest’ultimo ha sparato davanti a una scuola elementare nel quartiere di Boccia al Mauro di Terzigno (Napoli). Imma aveva denunciato il marito una settimana fa ed era tornata a vivere a casa del padre con la figlia.

Femmincidio a Terzigno: le lettere di Pasquale Vitiello

L’uomo ha lasciato venti lettere. Una indirizzata a un amico, altre alla figlia, altre ancora senza un destinatario preciso. In quelle pagine manoscritte, si dipana un tormento che si fa via via sempre più profondo. Fino al proposito di farsi «giustizia da solo» annotato sul foglio ed esploso in maniera drammatica ieri mattina.

Uomini e Donne trono classico: gente che va, gente che viene

Elezioni 2018 Di Maio

Presidente della Camera e del Senato Governo 2018, si lavora per un’intesa M5S – Lega: gli aggiornamenti