di Michele Iacovone in ,

Festa del Papà 2017: dimmi che padre hai e ti dirò chi sei


 

Per la Festa del papà il Corriere.it ha svolto una ricerca a tema: dimmi che padre hai e ti dirò chi sei, o anche come gli italiani vedono i loro genitori

Festa del papa, dimmi che padre hai e ti diro chi sei, la ricerca del corriere

In concomitanza con la Festa del papà, il Corriere.it ha svolto una piccola inchiesta sui padri, sulle loro emozioni e sulla loro vita. Dimmi che padre hai e ti dirò chi sei. Non sempre tutto è come sembra e dalle risposte sono molti gli stereotipi che faticano a essere eradicati. Gli uomini di oggi non sono come tutti credono, lo dimostrano i sondaggi e le percentuali.

Emozioni e paura di parlarne. Il luogo comune dominante sugli uomini vuole i padri poco emozionali, molto freddi, quasi degli orsi solitari. Secondo le percentuali non è così. In rapporto alla loro vita, infatti, per il 48,8 per cento di loro l’emozione più forte è la speranza, per il 37,5 per cento è l’amore e per il 32,7 per cento la soddisfazione. Solo il 6 per cento ha risposto di non provare alcuna emozione specifica. Per il 60,2 per cento, l’emozioni contano molto nella vita, mentre contano poco solo per l’8,1 per cento. Le emozioni vengono provate, ma non esternate. Il 46,3 per degli uomini raramente si confida, a farlo più spesso lo è solo il 4,3 per cento.

I figli e la famiglia. Un simbolo intoccabile. Per gli uomini che ancora non hanno figli, il 57,2 per cento vuole averne, ma nel 36,7 per cento dei casi non in questo momento. L’uomo di oggi, quindi, fa crollare un altro luogo comune, quello della mancanza di responsabilità. Il 48,3 per cento di loro ammette però che è la donna a fare pressioni per averne, mentre nel 2,7 per cento sono proprio loro, gli uomini, a chiederlo. Il ruolo genitoriale resta comunque tale: per il 68,4 per cento di loro è la madre ad avere più importanza rispetto al padre, anche se entrambi vengono considerati onesti, lavoratori e buoni. Gli stereotipi di genere rimangono comunque ancora molto forti: le madri sono più accondiscendenti, ma anche meno lavoratrici. Insomma, almeno in Italia si ragiona ancora per luoghi comuni quando si parla di mamma e papà.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook