di Michele Iacovone in ,

Festa del papà 2017: le priorità dell’uomo dentro e fuori casa, ecco quali sono


 

Festa del papà 2017: quando è l’uomo a non avere tutto sotto controllo, ecco cosa svela un’indagine condotta da SCA-TENA “Hygiene Matters” sulle priorità dei papà dentro e fuori casa

Festa del papa 2017, cosa vogliono i papa dentro e fuori casa

Il 19 marzo sarà la festa del papà e per l’occasione è stato condotto uno studio da parte di SCA-TENA “Hygiene Matters” su quelle che sono le priorità dei papà dentro e fuori casa. La vita sociale è sotto controllo dunque? Per tre italiani su dieci la risposta è sì, ma quali sono le situazioni che spaventano di più? Ecco cos’è emerso dai dati raccolti durante l’indagine.

Per la festa del papà, anche quest’anno avere la situazione sotto controllo rimane una delle priorità dei padri sia dentro che fuori casa. Scegliere dove andare, ad esempio, per il 48 per cento dei papà dipende dal livello di igiene dei bagni pubblici. A seguire è data molta importanza alle condizioni delle palestre e delle piscine nel 20 per cento dei casi, anche i mezzi pubblici giocano un ruolo fondamentale con il 14 per cento e addirittura ristoranti e hotel nel 12 per cento dei casi.

Durante l’indagine, inoltre, uno dei problemi più comuni emersi dai papà è l’incontinenza urinaria: colpisce il 35 per cento degli uomini sopra i 40 anni, mentre 1 su 4 ha avuto veri e propri episodi di incontinenza. I risvolti negativi, oltre che sulla salute, si evidenziano anche nell’autostima e nella vita sociale. Da qui le due mosse fondamentali prima di uscire di casa: lavarsi accuratamente scegliendo il giusto detergente intimo e scegliere la protezione adatta alla situazione. Mentre quando si è già fuori casa: cambiarsi spesso ed evitare di lavarsi troppo spesso ma, anzi, seguire i ritmi del corpo.

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook