in

Festival dell’Oriente Torino 2017: date, orari, biglietti e novità, tra bazar e profumi di terre lontane

Dopo aver entusiasmato il pubblico di Bologna, il Festival dell’Oriente torna invadere Torino con il suo carico di colori, profumi e sorprese: l’appuntamento è a Lingotto Fiere per due weekend consecutivi, quelli compresi tra il 17 e il 19 marzo e tra il 24 e il 26 marzo 2017.

Il programma, come vuole la tradizione di questo evento ormai acclamatissimo, prevede un gran numero di occasioni per avvicinarsi a culture suggestive e a paesi remoti. Oltre a concedervi una passeggiata tra le bancarelle profumate del colorato bazar, dove perdersi tra spezie, campane tibetane e oggettistica raffinata, potrete scoprire danze e musiche di paesi lontani, lasciandovi sorprendere (solo per fare alcuni esempi) ora dal contorsionismo mongolo ora dall’euforia contagiosa dei ballerini Bhangra. E poi ancora: cucina etnica o vegetariana, benessere e olistica, massaggi, arti marziali.

SCOPRI TUTTE LE IDEE DI VIAGGIO SU URBAN POST!

Quali novità meritano di essere scoperte in questa edizione? Gli “Ema”, ovvero tradizionali tavolette dei desideri affisse nei templi shintoisti, una bella riproduzione della Grande Muraglia Cinese e ancora quella di Thuparamaya, uno dei luoghi simbolo della religione in Sri Lanka.

Vi abbiamo incuriosito? Per saperne di più, leggete il reportage di UrbanPost, che ha partecipato all’edizione bolognese delle scorse settimane. La fiera, che si svolgerà nel padiglione Oval del Lingotto di Torino, rimarrà aperta nelle giornate indicate dalle ore 10:30 alle 23; il costo del biglietto intero è di 12 euro, i bambini entro i 5 anni entrano gratuitamente. Con il biglietto potrete accedere anche all’Holi Festival (che si svolgerà nell’area esterna domenica 19 e domenica 26 dalle ore 15:30) e al Festival Irlandese, in programma il venerdì e il sabato (ore 18:00-02:00) e la domenica (ore 12-24). Maggiori informazioni sul portale ufficiale www.festivaldelloriente.org.

Foto in apertura di Corinna Garuffi

Cosa è il Lingotto di Torino? Perché Matteo Renzi lo ha scelto per il rilancio del PD

Beppe Fiorello

Beppe Fiorello: Catania, dalla città siciliana alla grande carriera di attore