di Antonio Paviglianiti in

Filip Kwasny commuove il web, il bimbo malato terminale: “Seppellitemi accanto a mia madre” e la rete si mobilita


 

Il desiderio di Filip Kwasny, bimbo di 7 anni malato terminale, commuove il web. E la rete decide di accontentarlo: sarà sepolto vicino la madre, ecco il messaggio del padre

Il web si commuove per l’ultimo desiderio di un piccolo bambino, Filip Kwasny, 7 anni e malato terminale. Kwasny vorrebbe essere sepolto accanto a sua madre, nella stessa tomba, affinché la donna defunta si: “possa prendere cura di lui in Paradiso”. Il padre di Filip Kwasny ha chiesto aiuto alla rete: l’uomo ha avviato una campagna di crowdfunding per raccogliere i fondi necessari a portare il corpo dall’Inghilterra in Polonia, dove si trova quello della madre, deceduta all’età di 33 anni.

—> LE ULTIME NOTIZIE CON URBANPOST

E la rete ha già risposto presente: per soddisfare il desiderio di Filip Kwasny le donazioni hanno già superato la cifrà necessaria. Infatti, sono state donate più di 34mila sterline a fronte delle 6500 richieste. Filip Kwansy vive nel Great Ormond Street Hospital di Londra da quando gli è stata diagnosticata la leucemia. Nonostante mesi di terapie, il cancro si è diffuso e ora sembra aver intaccato gli organi vitali: per questo motivo i medici lo stanno sottoponendo a cure palliative.

—> TUTTE LE NEWS CON URBANPOST

A prendere parola è il padre di Filip Kwasny, 7 anni, che evidenzia: “Mio figlio dice che io sono l’angelo che si prende cura di lui qui sulla Terra, mentre la mamma si prenderà cura di lui quando sarà in Paradiso.” L’uomo, malato, non può lavorare e non può farsicarico del funerale. Inoltre, per il padre di Filio è impossibile farsi carico del trasporto. Non può neanche pagare il viaggio agli altri fratelli di Filip. Ma grazie alle donazioni della rete c’è un po’ di speranza per la famiglia Kwasny. “Grazie per essere riusciti a realizzare il suo ultimo sogno”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...