di Alessandro Cirinei

Finanziamenti europei per la ricerca. Un’opportunità imperdibile per le PMI


 

Assomec è un’associazione volontaria riguardante le aziende operanti nel settore meccanico che basano i loro punti di forza sulla qualità, l’innovazione e l’R&D come modello per sviluppo sostenibile, la responsabilità sociale e la competitività. L’associazione, che conta 350 aziende manufatturiere nel proprio organico, ha inaugurato l’evento “I Lunedi’ dei Saperi d’Impresa”. In questa occasione, com’è […]

Assomec è un’associazione volontaria riguardante le aziende operanti nel settore meccanico che basano i loro punti di forza sulla qualità, l’innovazione e l’R&D come modello per sviluppo sostenibile, la responsabilità sociale e la competitività.

L’associazione, che conta 350 aziende manufatturiere nel proprio organico, ha inaugurato l’evento “I Lunedi’ dei Saperi d’Impresa”. In questa occasione, com’è nello spirito di Assomec, verranno presentate e promulgate iniziative e casi di successo con lo scopo di istruire e supportare le imprese nei loro sforzi per il raggiungimento dell’efficienza nell’ambito della ricerca e della competitività.

L’evento, a cui partecipano molti esperti di sviluppo “corporate” è periodico e nel suo primo appuntamento si è parlato di come sfruttare i finanziamenti alla ricerca messi a disposizione dai fondi europei. Sono infatti disponibili centinaia di milioni di euro che hanno lo scopo di finanziare la ricerca, specie in un’ottica di sostenibilità e creazione dell’occupazione.

Finanziamenti significativi, il cui 75% può essere a fondo perduto, di cui spesso le aziende non sono semplicemente a conoscenza e non conoscono i requisiti per assicurarseli.
Barbara Pigoli, presidente di Assomec, ha scelto un caso di successo per alimentare il confronto tra gli imprenditori su questo tema.

Si tratta della società Alesamonti, rappresentata da Gianfranco Malagola, una piccola impresa di Varese che è riuscita a garantirsi ben 3,7 milioni di euro.
Il finanziamento è stato ottenuto grazie alla presenza di un consorzio tra 12 organizzazioni, tra cui Università, per implementare un progetto di ricerca chiamato “Sommact” e che ha come finalità quella di migliorare la performance di macchine utensili in termini di controllo e produttività”.

Il messaggio che è passato Lunedì scorso è stato proprio quello che qualsiasi buona idea può essere finanziabile purchè ci sia un progetto ben congegnato. La tempistica di risposta le procedure sono molto chiare e definite, così come l’erogazione avviene in modo assolutamente puntuale.
Ovvio che oltre all’idea è necessario predisporre un buon piano che giustifichi l’utilizzo dei soldi. Per tale motivo, è di fondamentale importanza affidarsi ad esperti che conoscano le dinamiche che regolano l’assegnazione dei fondi e le metodologie per partecipare i bandi europei.

Cogliere le opportunità offerte dalla comunità europea è di cruciale importanza così come l’evangelizzazione degli imprenditori. Operazione che Assomec stà conducendo ogni lunedì e che vale la pena approdondire.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook