in

Fiorello, altri 15 giorni in ospedale a causa del trauma cranico

Non sembrano buone le condizioni di salute Rosario Fiorello, così come riportato dalla nota stampa diffusa dal Policlinico Gemelli, dove lo showman è ricoverato da lunedì scorso, in seguito all’incidente in scooter che l’ha visto protagonista.

infermieri Gran Bretagna

È il Fatto Quotidiano del 5 marzo 2014 a riportare la notizia che il quadro clinico del cantante non è incoraggiante. Per quanto le condizioni rimangano stazionarie, la nota stampa dell’ospedale della capitale parla di “trauma cranico con commozione cerebrale e amnesia dei fatti derivati dal trauma, che ha causato un’importante ferita lacero contusa frontale e trauma della spalla destra”. Necessari, quindi, ulteriori 15 giorni di osservazione.

Intanto nei prossimi giorni il pedone investito, il 73enne Mario Bortolozzi, sarà sottoposto ad alcuni interventi chirurgici per ridurre le fratture a tibia, perone e bacino riportate in seguito all’incidente.

Accanto alle manifestazioni di affetto non è mancato chi ha attaccato il cantante, spingendo il fratello Giuseppe Fiorello a chiarire che quello che ha visto protagonista Rosario è un incidente che sarebbe potuto capitare a chiunque. Ha poi sottolineato come le condizioni del pedone investito stiano a cuore allo showman, al punto da spingerlo anche ieri sera ad inviare un messaggio alla figlia di Mario Bortolozzi per fare sentire la sua vicinanza alla famiglia.

 (fonte: Il Fatto Quotidiano; immagine tratta da Flickr.com)

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Mercato, Manchester United: De Sciglio prima scelta, Ogbonna non convince

Il piedistallo vuoto mostra Bologna

“Il piedistallo vuoto. Fantasmi dall’Est Europa”, l’8 marzo 2014 incontro con collezionisti e visita alla mostra di Bologna